Epidemiologia&Prevenzione

Risultati della ricerca

Opzioni di ricerca  Termini recenti
×
Opzioni di ricerca:
Scrivi prima il nome poi il cognome e prova anche con l'opzione 'Cerca frase esatta'
Cerca solo tra questi:
×

  1. mortalità


43 risultati per mortalità (mortality), , cerca solo nei tag


La sorveglianza epidemiologica nel programma regionale di interventi sanitari nei siti di interesse nazionale della Sicilia: aggiornamento della mortalità, dell’ospedalizzazione e dell’incidenza oncologica

The epidemiological surveillance in the programme of public health intervention in the national priority contaminated sites of Sicily Region (Southern Italy): update of mortality, hospitalization, and cancer incidence
Achille Cernigliaro, Omar Enzo Santangelo, Maria Luisa Maniglia, Sebastiano Pollina Addario, Antonella Usticano, Antonello Marras, Paolo Ciranni, Gabriella Dardanoni, Laura Saporito, Elisa Eleonora Tavormina, Giovanna Fantaci, Salvatore Scondotto

La presa di decisioni nelle crisi umanitarie: il problema è la politica, non solo l’evidenza

Decision-making in humanitarian crises: politics, and not only evidence, is the problem
Sandro Colombo, Francesco Checchi
About the Authors SANDRO COLOMBO started his career as epidemiologist in Torino, in Benedetto Terracini’s unit. He moved to Mozambique in the mid 1980s and, since then, he has been working abroad for a variety of agencies: the UN (WHO and UNCHR), the EU, and several NGO, mainly in conflict-affected Countries: Angola, Afghanistan, Democratic Republic of Congo, Liberia, Somalia, Sudan, Iraq, Syria, Uganda, and Palestine. He also worked in large-scale disasters, like in the response to the Ha…

Studio di mortalità in una coorte di esposti a metalli nel comparto galvanotecnica del territorio di Bologna

Mortality study in metal electroplating workers in Bologna (Northern Italy)
Alberto Gerosa, Corrado Scarnato, Giuseppe Giacomozzi, Angelo d'Errico
Introduzione L’industria galvanica è il settore produttivo che effettua il rivestimento di superfici metalliche per aumentare la loro resistenza all’ossidazione e alla corrosione da parte di acqua e agenti atmosferici.1 Esistono numerose tecniche di rivestimento delle superfici metalliche, connesse al tipo di materiale utilizzato, e alcuni prodotti sono sottoposti a più di un trattamento in sequenza. Il principio retrostante la lavorazione è sempre lo stesso: due…

La mortalità nella popolazione straniera in Toscana

Mortality in immigrants in Tuscany
Andrea Martini, Elisabetta Chellini, Antonino Sala
Introduzione Il fenomeno immigrazione costituisce una realtà complessa e in continua evoluzione in relazione sia ai Paesi di provenienza sia al mercato del lavoro delle aree di accoglienza. Il numero degli immigrati residenti in Italia sta registrando una crescita consistente dalla prima metà degli anni 2000 sia in seguito alla sanatoria sulle regolarizzazioni per la legge BossiFini del luglio 2002 sia al successivo allargamento dei Paesi dell’Unione europea (UE), e più…

mortalità per tumori nel Sud Italia, 1999-2003

Cancer mortality in Southern Italy, 1999-2003
Ettore Bidoli, Maurizio Montella, Silvia Bruzzone, Angela De Paoli, Mario Fusco, Luisa Frova, Monica Pace, Marilena Pappagallo, Diego Serraino
Introduzione Un indicatore dello stato di salute della popolazione è rappresentato dai dati di mortalità, sistematicamente disponibili per tutta l’Italia e che permettono di confrontare anche il pattern geografico della mortalità neoplastica. In Italia, negli anni Settanta la mortalità per tumore era più alta nel Nord rispetto al Sud.1-4 L’analisi dei trend temporali di incidenza e di mortalità ha mostrato, come in anni recenti, questo divari…

Il rischio di decesso in una coorte di soggetti segnalati dalle forze dell’ordine per consumo di Cannabis. Risultati di uno studio longitudinale.

Mortality risk in a cohort of subjects reported by authorities for cannabis possession for personal use. Results of a longitudinal study
Raimondo Maria Pavarin, Domenico Berardi
Introduction Cannabis is themost widely used illicit substance in the world, and an estimated 159 million people used it over the course of the last year.1 In Europe one adult in five has tried it at least once, with a prevalence of recent use that ranges from 1% to 11.2% in various countries.2 Consumption is greater in urban than in rural areas, is higher in subjects under 35 years of age and inmales, starts at around 15 years of age and increases until 23 years of age and then decreases, is mo…

L’indice di deprivazione italiano a livello di sezione di censimento: definizione, descrizione e associazione con la mortalità

The Italian deprivation index at census block level: definition, description and association with general mortality
Nicola Caranci, Annibale Biggeri, Laura Grisotto, Barbara Pacelli, Teresa Spadea, Giuseppe Costa
Introduzione Lo stato socioeconomico è di interesse epidemiologico perché sono state dimostrate disuguaglianze di salute, in parte evitabili e, quindi, da misurare e contrastare con interventi di sanità pubblica.1 Gli indici di deprivazione sono un mezzo per classificare lo stato socioeconomico. Sono misure multidimensionali dello svantaggio nel possesso di risorse, sia materiali sia sociali, e compaiono nella letteratura internazionale all’inizio degli anni Ottanta.2 …

Il passaggio da ICD-9 a ICD-10 per le statistiche di mortalità

«Bridge Coding» ICD-9, ICD-10 and effects on mortality statistics
Stefano Brocco, Piercarlo Vercellino, Carlo Alberto Goldoni, Natalia Alba, Maria Giulia Gatti, Daniele Agostini, Mariangela Autelitano, Annalisa Califano, Franca Deriu, Giuliano Rigoni, Maria Teresa Cassinadri, Elsa Garrone, Gruppo interregionale per lo studio della mortalità e della codifica in ICD-10
Introduzione I dati di mortalità per causa sono una fonte informativa metodologicamente consolidata di fondamentale importanza in epidemiologia e sanità pubblica. Confronti temporali e spaziali sulla mortalità per causa consentono di descrivere lo stato di salute di una popolazione, di individuare priorità di intervento per la programmazione sanitaria e di ottenere stime sull’efficacia degli interventi sanitari di tipo preventivo, diagnostico e terapeutico. I da…

Stima degli effetti della riduzione dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana

An estimate of health impacts of air pollution reduction
Paolo Crosignani
Premessa  Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana possono essere distinti in effetti a breve termine ed effetti a lungo termine. I primi vengono misurati dalla relazione tra la variazione giornaliera (più raramente oraria) degli inquinanti e l’accadere di eventi sanitari avversi, quali le morti o i ricoveri. I secondi sono valutati principalmente mediante studi prospettici che consistono nell’osservazione prolungata di gruppi di persone identif…

mortalità e fattori socioeconomici misurati a livello individuale e d’area nella città di Palermo: uno studio multilivello

Mortality in relation to individual- and area-level socioeconomic status in Palermo (Italy): a multilevel analysis
Filippo Pinzone, Nicolò Casuccio, Rosanna Cusimano, Adriana Mancuso, Angela Pitarresi
Introduzione È sempre aperto il dibattito sull’esistenza e sulla rilevanza, nell’ambito degli studi sull’origine socioeconomica delle disuguaglianze di salute, di fattori di rischio contestuali, cioè di fattori di rischio che, agendo indipendentemente dalle caratteristiche strettamente individuali, sono legati alle caratteristiche intrinseche delle aree in cui vivono o dei gruppi cui appartengono gli individui.1 Tale dibattito nasce dalla necessità di capir…

Confronto dell’esperienza di mortalità per cause specifiche di popolazioni esposte e non esposte a fonti emissive esterne di formaldeide e polveri di legno: lo studio di Viadana

Cause-specific mortality in populations exposed and unexposed to outdoor emissions of formaldehyde and wood dust: the Viadana study
Marta Rava, Lucia Cazzoletti, Alessandro Marcon, Diego Padovani, Maria Dall'Acqua, Stefano Bacchi, Caterina Silocchi, Paolo Ricci, Roberto de Marco
Introduzione La formaldeide è un gas incolore e dall’odore acre e irritante; trova larghissimo impiego nella fabbricazione di resine sintetiche, colle, solventi. È presente in numerosi materiali da costruzione, per finitura e arredamento come i pannelli di legno composti e truciolati. La formaldeide, anche a basse concentrazioni, è dotata di elevato potere irritante e allergizzante per la pelle, gli occhi, il naso e le prime vie aeree.1,2 è stata classificata da…