Abstract

OBJECTIVES: to evaluate the impact on total mortality of the COVID-19 pandemic in Italy, by country of birth.
DESIGN: historic cohort study based on administrative databases
SETTING AND PARTICIPANTS: the study is based on subjects included in the Base Register of Individuals of the Italian National Institute of Statistics on 01.01.2019, aged 35-64 years, and followed-up until 31.07.2021
MAIN OUTCOME MEASURES: age-standardized mortality rates were computed to analyse trends in overall mortality by country of birth grouped in three categories: 1. Italy and other high developed countries; 2. European countries with strong migratory pressure (EU-SMP); 3, non-European countries with strong migratory pressure (non-EU-SMP). Variations in mortality rates during the pandemic (March 2020-July 2021) with respect to the pre-pandemic period (January 2019-February 2020) were measured and compared across groups using mortality rate ratios (MRR) estimated by Poisson regression models, separately for men and women.
RESULTS: the cohort includes 26,199,241 individuals, of whom 172,847 died during the follow-up. Over the whole period, mortality was consistently lower in individuals born in non-EU-SMP countries as compared to those born in Italy and other high developed countries. During the first pandemic wave (March-April 2020), individuals born in non-EU-SMP countries had higher excesses as compared to those born in Italy or other high developed countries (MRRs: 1.42 vs 1.28 in men and 1.30 vs 1.11 in women). Similar results were observed during the pandemic period October 2020-April 2021, when the MRRs were 1.37 vs 1.20 in men and 1.30 vs 1.11 in women. In the same period, the excess mortality among individuals born in EU-SMP did not significantly differ from that observed among those born in Italy and other high developed countries. 
CONCLUSIONS: in Italy, excess mortality during the COVID-19 pandemic was higher among immigrants born in non-EU-SMP countries as compared to the native population and immigrants born in high developed countries. 

 Keywords: , ,

Riassunto

OBIETTIVI: valutare l’impatto della pandemia di COVID-19 sulla mortalità totale in Italia, per Paese di nascita. 
DISEGNO: coorte storica basata su registri amministrativi.
SETTING E PARTECIPANTI: lo studio è basato su soggetti inclusi nel Registro di base degli individui dell’Istat al 01.01.2019, di età compresa tra i 35 e i 64 anni, seguiti fino al 31.07.2021.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: i tassi standardizzati di mortalità sono stati calcolati per analizzare gli andamenti della mortalità totale per Paese di nascita raggruppati in tre categorie: 1. Italia e altri Paesi a sviluppo avanzato; 2. Paesi dell’Unione europea (UE) a forte pressione migratoria (FPM); 3. Paesi extra-UE a forte pressione migratoria (extra-UE-FPM). Le variazioni nei tassi di mortalità durante la pandemia (marzo 2020-luglio 2021) rispetto al periodo pre-pandemico (gennaio 2019-febbraio 2020) sono state misurate e confrontate tra i gruppi utilizzando i rapporti di mortalità (RM) stimati mediante modelli di regressione di Poisson, separatamente per uomini e donne.
RISULTATI: la coorte include 26.199.241 individui, di cui 172.847 sono deceduti nel corso del follow-up. Durante l’intero periodo (gennaio 2019-luglio 2021), la mortalità generale è stata consistentemente più bassa negli individui nati nei Paesi extra-UE-FPM rispetto ai nati in Italia o in altri Paesi a sviluppo avanzato. Durante la prima ondata pandemica (marzo-aprile 2020), gli individui nati nei Paesi extra-UE-FPM hanno avuto eccessi di mortalità maggiori rispetto a quelli nati in Italia o in altri Paesi a sviluppo avanzato (RM: 1,42 vs 1,28 negli uomini e 1,30 vs 1,11 nelle donne). Risultati simili sono stati osservati durante il periodo pandemico ottobre 2020-aprile 2021, quando i RM erano 1,37 vs 1,20 negli uomini e 1,30 vs 1,11 nelle donne. Nello stesso periodo, per i nati in Paesi UE a FPM si osserva un eccesso di mortalità non significativamente diverso da quello osservato negli individui nati in Italia o in altri Paesi a sviluppo avanzato.  
CONCLUSIONI: In Italia, l’eccesso di mortalità durante la pandemia di COVID-19 è stato maggiore negli immigrati nati in Paesi extra-UE-FPM rispetto alla popolazione nativa o agli immigrati nati in Paesi a sviluppo avanzato.

 Parole chiave: , ,

       Visite