Epidemiologia&Prevenzione

Risultati della ricerca per autore

Opzioni di ricerca  Termini recenti
×
Opzioni di ricerca:
Scrivi prima il nome poi il cognome e prova anche con l'opzione 'Cerca frase esatta'
Cerca solo tra questi:
×

  1. Cesare Cislaghi


34 risultati per Cesare Cislaghi


Dare i dati? sì, ma non "dando i numeri"!

cesare cislaghi
La decrescita è evidente, ma non leggiamola male Non ne posso proprio più di chi usa i dati, magari anche se in buona fede, arrivando a conclusioni sconclusionate!  Che i casi positivi siano diminuiti in modo consistente e ancora stiano diminuendo, che diminuiscano i decessi, che diminuiscano i ricoveri in ospedale ed anche nelle terapie intensive: tutto ciò e vero e ormai quasi "scontato". Ma voler andar oltre per dire che tutto sta finendo prima che sia realmente vero…

Servono dati tempestivi anche dopo la pandemia

Un futuro per MADE - Monitoraggio e Analisi di Dati Epidemiologici

cesare cislaghi
Tante volte anche noi abbiamo criticato o ci siamo lamentati dei dati che il Ministero della Salute, attraverso la Protezione Civile, pubblica tutte le sere in Internet. Ma forse non abbiamo abbastanza riflettuto sul fatto che è la prima volta che capita di avere un’immagine basata sui dati della situazione sanitaria, seppur limitata e settoriale, a poche ore dagli avvenimenti. Il ritardo nella pubblicazione di tutti i dati riguardanti la popolazione, sia demografici sia sanitari si…

Cosa è cambiato rispetto a un anno fa?

cesare cislaghi
È passato più di un anno dall’inizio della pandemia da COVID-19 e in questi giorni, allora, avevamo l’impressione che tutto stesse finendo; sappiamo, invece, come è andata. La stessa impressione l’abbiamo oggi e allora può essere utile confrontare due periodi uguali a un anno di distanza, cioè i giorni dal 15 aprile al 15 maggio del 2020 e del 2021. ROMA 15 APRILE 15 MAGGIO Temperature Temperature Minima Massima Minima Massima 2020 6…

Quali confusioni sugli indicatori ... riflettiamo!

cesare cislaghi
L'Rt è da abolire o da modificare? Sembra quasi oggi che si sia trovato il colpevole delle troppe restrizioni: è l'Rt, l'indice di contagiosità adottato dall'Istituto Superiore di Sanità, calcolato da Stefano Merler della Fondazione Kessler di Trento, secondo la metodica proposta in letteratura da Cori et al. nel 2013 (Cori et al., 2013, American Journal of Epidemiology, 178,9, p. 1505 -1512). Questioni relative all'algoritmo di calcolo L'impressione però &egr…

L’Rt è in ritardo? E se sì, perché?

cesare cislaghi
È capitato spesso di confrontare l’indice RDt disponibile in MADE con l’indice Rt rilasciato dall’Istituto Superiore di Sanità (ed elaborato dalla fondazione Bruno Kessler di Trento) e di accorgerci che questo riproduceva valori molto simili ma diversi giorni dopo. Le metodiche che usano i due indici sono diverse ma poi nella sostanza dei risultati non così tanto (si veda al riguardo il nostro articolo su E&P - Rt or RDt, that is the question!). Ci&ogra…

Le riaperture, un rischio “ragionato” … ragioniamone

cesare cislaghi
Il 26 aprile è la data scelta dal governo per “riaprire” le Regioni che torneranno per lo più ad essere in “giallo”. Il Governo ha annunciato la misura dicendo di essere consapevole del rischio, ma si tratterebbe di un “rischio ragionato”. Le motivazioni che hanno maggiormente portato a prendere questa decisione sono quelle di ordine economico e forse ancor più quelle di ordino sociale. Il Governo, e non solo il Governo, è preoccupa…

L’ospedalizzazione dei positivi al Covid-19

cesare cislaghi
I dati dell’epidemia che solitamente più si analizzano sono quelli dell’incidenza dei contagi, della prevalenza delle terapie intensive e dei decessi mentre poco vengono utilizzati i dati della prevalenza globale dei ricoveri. È opportuno subito evidenziare che purtroppo non si dispone dell’incidenza di ricovero, cioè del numero dei nuovi ricoverati, bensì della sola prevalenza e quindi non si può stimare quanti siano in ammissione e quanti in…

Che cosa facilita gli affari del Covid-19?

cesare cislaghi
Il Covid-19 è un brutto personaggio che ne sta facendo ahimè di tutti i colori ma lui da solo non riuscirebbe a far praticamente nulla se non venisse aiutato “in affari”. Su come sia possibile contagiarsi, ormai si da per scontato che il virus viene trasmesso principalmente tramite droplet e aerosol da una persona infetta quando starnutisce, tossisce, parla o respira e si trova in prossimità di altre persone Può essere che ci sia anche la possibi…

Ahimè non è un pesce d’aprile

cesare cislaghi
I Picos de Europa sono una stupenda catena montuosa nel nord della Spagna e formano un parco nazionale sfiorato dal camino de Santiago nella rotta Giacobea Lebaniega. In Italia c’è anche il Picco dei tre Signori di 3.499 metri di altezza nelle Alpi Tauri occidentali. Sono tutti picchi bellissimi e speriamo di poter andare a vederli ancora presto perché di voglia di montagna ne abbiamo quasi tutti molta. Però in questi giorni non si parlava di questo quando si diceva …

Evviva … si può far reato anche con i dati!

cesare cislaghi
C’era una volta … un mondo che fu in cui la vita dei dati era tutt’altro che fiorente; i dati nascevano, crescevano, morivano ma nessuno se ne accorgeva … erano i reietti delle statistiche. Se poi li si inventava si era dei benemeriti perchè davano lustro e non evidenziavano le magagne dei sistemi informativi. Ricordo ancora quando negli anni settanta un laureando mi chiese di fare una tesi di laurea sulla mortalità post-neonatale dei gemelli. Usammo i pri…

Che stanno combinando le varianti?

cesare cislaghi
Se da qualche settimana si leggono i giornali o si guardano i talk televisivi non è più il vecchio Covid-19, che da mesi conosciamo, ma sono le sue varianti a far paura e ad essere le responsabili di tutto ciò che sta capitando. C’è la terza ondata? Non sono le scelte troppo ottimiste di apertura delle Regioni ad inizio febbraio, la colpa è delle varianti. Aumentano in decessi? Non è che la letalità la si deve misurare in relazione ai positi…

Incidenze e RDt: distanza, velocità, accelerazione

cesare cislaghi
Nei giorni scorso l’RDt si è attestato attorno al valore di 1,3 e l’impressione che potrebbe aver indotto alcuni a pensare che l’epidemia fosse stazionaria, cioè che non migliorava ma neppure peggiorava dato che l’indice di riproduzione diagnostica era costante. Avevo introdotto una analogia tra i dati dell’epidemia e il percorso di un veicolo: la somma cumulativa delle frequenze dei contagi diagnosticati con un test positivo al Colvid-19 la paragonav…

Coerenza tra i dati dei contagiati e dei ricoverati

cesare cislaghi
Uno dei problemi avanzati spesso nella lettura dei dati pubblicati dalla Protezione Civile per l’epidemia è la loro coerenza interna,  e se innanzitutto sia costante il rapporto tra sintomatici e asintomatici e se la frequenza di positivi dipenda principalmente oi no dal numero di test effettuati. È allora interessante vedere se vi è coerenza nell’andamento dei dati relativi ai contagi e dei dati relativi ai ricoveri ospedalieri.Esaminando gli andamenti dell…
Interventi - 04/12/2020

Rt or RDt, that is the question!

Rt or RDt, that is the question!
Maria Teresa Giraudo, Manuele Falcone, Ennio Cadum, Silvia Deandrea, Salvatore Scondotto, Andrea Mattaliano, Carlo Di Pietrantonj, Lucia Bisceglia, Piergiorgio Duca, cesare cislaghi
Editoriali - 26/11/2019

Dopo 40 anni la 833 non va rottamata, ma ringiovanita!

After 40 years, Italian Law n.833 it is not to be scrapped, it has to be rejuvenated!
cesare cislaghi
La legge 833 è appena entrata negli “anta”, passando così da giovane ad adulta. C’è chi la vorrebbe conservare tale e quale e chi, invece, preferirebbe abbandonarla sostituendola con non si sa cosa, ma probabilmente con più sanità affidata al mercato.Il Sistema sanitario nazionale (SSN) viene riconosciuto come un’eccellenza del nostro Paese, e gli indicatori di outcome legittimano questo giudizio. Sarebbe, però, un atteggiamento c…
Lettere - 11/12/2017

Ripartire con la prevenzione?

Restarting with prevention?
cesare cislaghi
[…] icace, e innanzitutto con la cosiddetta prevenzione primaria, che è un po’ uscita dai programmi della sanità, quando invece è ciò che realmente può garantire più salute a tutta la popolazione.cesare cislaghiEconomista sanitarioCorrispondenza: cesare.cislaghi@icloud.com  […]
Editoriali - 26/11/2017

Vaccini. Corretta comunicazione e libertà d’opinione

Vaccines. Proper communication and freedom of opinion
cesare cislaghi
Solo qualche lustro fa, nessuno, e tanto meno i medici, avrebbe messo in seria discussione le “certezze” definite tali dalla medicina ufficiale; eppure molte di queste non hanno retto i tempi e sono risultate non appropriate, se non dannose. Oggi il cosiddetto principio di autorità non è più in voga e, anzi, si inizia addirittura a mettere in discussione persino le evidenze risultanti da solide sperimentazioni scientifiche.La sfiducia nelle cosiddette caste, tra …
Editoriali - 26/11/2016

Una strage o solo un dato statistico? Il surplus di decessi nel 2015

A mass murder or mere statistical data? The 2015 surplus of deaths
cesare cislaghi, Giuseppe Costa, Aldo Rosano
Quando l’11 dicembre 2015 il quotidiano Avvenire ha pubblicato l’articolo del demografo Blangiardo dal titolo «Attenti ai morti», molti di noi, usi all’analisi dei dati di mortalità, sono rimasti basiti. Abbiamo subito pensato che ci si trovasse davanti a un errore di registrazione: 45.000 morti in più in soli otto mesi non si erano mai osservati e qualcuno li ha addirittura paragonati ai morti della Prima guerra mondiale, evocando così un event…
Editoriali - 26/11/2013

La sanità prossima ventura (o sventura?)

A debate on changes in the Italian National Health Service at the times of the crisis
cesare cislaghi
Il clima di 35 anni fa Ho incominciato a lavorare sui temi della sanità agli inizi degli anni Settanta, quando il dibattito era molto ampio e le speranze tanto diffuse e condivise da concretarsi poi nell’approvazione della Legge 833 istitutiva del Servizio sanitario nazionale (SSN) avvenuta il 23 dicembre 1978. Era già dai lavori dell’Assemblea costituente che si auspicava l’istituzione di un SSN sulla falsariga del sistema sanitario inglese e la 833, seppur ricca…
Attualità - 15/04/2013

Zeta o non zeta? Questo è il problema

cesare cislaghi, Carlo Zocchetti
Un piccolo ripasso di statistica… Sono sempre più frequenti i tentativi di costruire degli indicatori sintetici a partire da indicatori elementari. La maggiore difficoltà che si incontra in questa operazione è dovuta al fatto che le unità di misura e le distribuzioni di questi indicatori elementari sono quasi sempre molto differenti. Anche l’operatore non specializzato intuisce facilmente che se abbiamo, per esempio, due indici come peso e altezza delle p…
Rubriche - 23/07/2012

Il finanziamento pro capite regionale: attenti a interpretarlo!

Regional pro capite funding: how to unscramble it
cesare cislaghi, Carlo Zocchetti
Il riparto alle Regioni del Fondo sanitario nazionale (FSN) è uno degli argomenti più importanti della programmazione sanitaria del nostro Paese, e pertanto non è un caso che susciti molta discussione e robusti contrasti sia tra gli addetti ai lavori sia, più in generale, tra i cittadini. È noto che il riparto del fondo alle Regioni avviene attraverso il meccanismo cosiddetto della «quota capitaria pesata», cioè un insieme articolato di crite…
Rubriche - 05/06/2012

Errori nell’identificativo personale e conseguenze sulle stime di prevalenza con record linkage

Errors in personal identification codes and their consequencies on prevalence estimations using record linkage
cesare cislaghi, Carlo Zocchetti, Antonio Giampiero Russo
La disponibilità di data base amministrativi ricchi di informazioni e i cui dati individuali relativi alle prestazioni usufruite sono riferibili tramite un identificativo ai differenti soggetti consente di arrivare a stimare alcune misure epidemiologiche prima difficilmente ottenibili con altri metodi se non attraverso indagini ad hoc o sistemi complessi e onerosi come i registri di patologia. L’utilizzo principale finora attuato è quello della stima di prevalenza ottenuta co…
Rubriche - 13/12/2011

Come si calcola l’ospedalizzazione giornaliera?

Daily ospitalization: options to compute it
cesare cislaghi, Carlo Zocchetti
Quanti sono i posti letto occupati ogni giorno nelle strutture ospedaliere italiane? E quanto vale il tasso medio di occupazione dei posti letto nei nostri ospedali? Per rispondere al primo quesito si può pensare che basti prendere le SDO (scheda di dimissione ospedaliera) e calcolare la somma delle giornate di degenza di tutti i ricoveri (ordinari, per esempio) di un anno; mentre per calcolare il tasso medio di occupazione sia sufficiente dividere le giornate di degenza totali (risposta …
Rubriche - 15/09/2011

La correzione per il case-mix è un optional?

Is the adjustment for the case-mix optional?
cesare cislaghi, Antonella Sferrazza, Carlo Zocchetti
L’intesa del 3 dicembre 2009 tra il governo e le regioni concernente il nuovo patto per la salute per gli anni 2010-2012 prevede, tra l’altro, di «monitorare i livelli essenziali di assistenza in relazione alla definizione dei costi standard» (art. 10 c.3) e all’art. 2 elenca gli indicatori su cui si deve basare il monitoraggio: in particolare, quelli indicati al punto 2b riguardano gli indicatori sui costi medi, e sono riportati nell’allegato 2. Allegato 2 C…
Rubriche - 10/06/2011

Variabilità dei rischi e variabilità dei tassi

Risk variability and rate variability
cesare cislaghi, Antonella Sferrazza, Carlo Zocchetti
Un’espressione molto spesso usata, seppur sia in larga parte solo gergale, è la seguente: «L’età spiega il 45% (o un altro valore) della variabilità della frequenza di ospedalizzazione». Ma non è sempre chiaro cosa si intenda con questa espressione: è facile equivocare tra diverse possibili interpretazioni.La si può usare per dire che il 45% (o un altro valore) è il maggior rischio di ospedalizzarsi dovuto all’età e che, quindi, se l’età fosse una variabile binaria (giovani-an…
Rubriche - 14/03/2011

Attenzione a come si misura la deospedalizzazione

Measuring de-hospitalization is not an easy job: pay attention!
Carlo Zocchetti, cesare cislaghi
Introduzione Tra i tanti ingredienti di programmazione che riempiono le agende di chi discute del futuro del servizio sanitario la deospedalizzazione non manca mai dal menù. E si tratta di una scelta comprensibile da tanti punti di vista: in termini di economicità, seguendo il dettato (per esempio) del Dlgs 502/1992 laddove si invita a fare un uso efficiente delle risorse nella modalità di organizzazione ed erogazione della assistenza (art. 1); in termini di appropriatezza …
Rubriche - 22/12/2010

Per valutare l’intensità della mobilità ospedaliera non basta contare quanti escono da una Regione per farsi ricoverare.

To evaluate the intensity of hospitalisation mobility, it is not enough to count how many people leave a Region for hospital admission
cesare cislaghi, Carlo Zocchetti, Emidio Di Virgilio
Il fenomeno da misurare L’analisi della mobilità è uno degli argomenti ‘caldi’ nelle discussioni politiche e programmatorie della sanità italiana. È un argomento ‘caldo’ sia perché ai flussi di mobilità sono associate cifre elevate di trasferimenti monetari tra le Regioni (circa 3 miliardi e mezzo di euro) sia perché la mobilità si concentra soprattutto in alcune Regioni vuoi nella componente passiva vuoi in qu…
Attualità - 10/08/2010

Valutare perché. Commenti alla Carta dell’Isola Tiberina

Mario Braga, cesare cislaghi, Giuseppe Costa, Carlo Zocchetti
Il convegno AIE-AGENAS che si è svolto a Roma non è stato uno dei tanti convegni e seminari “culturali” sul tema delle metodologie per la valutazione dei sistemi sanitari che si susseguono numerosi di questi tempi; è stato un incontro operativo e proficuo tra operatori della valutazione, metodologi delle analisi quantitative e decisori che necessitano degli strumenti e dei risultati della valutazione. Di valutazione se ne sta parlando molto, ma non se ne sta facendo altrettanta, e quel po…
Strumenti e Metodi - 20/10/2009

Per standardizzare i dati senza fatica e in modo standard

Effective and effortless data standardization
cesare cislaghi
Popolazione tipo Italia 2000 La popolazione tipo che si propone è una popolazione molto simile a quella del censimento 2001 ma elaborata come le popolazioni proposte 50 anni fa da Segi a livello internazionale.2 Si tratta di una popolazione virtuale di 1.000.000 di abitanti che riproduce similmente i rapporti di composizione per età e genere di quella censuaria, come si può osservare nella figura 1. I valori di questa popolazione tipo e i relativi rapporti di composizione so…

Titolotitolo

cesare cislaghi
Situazione odierna su elaborazioni con il sistema MADE (**) dei dati dell’epidemia Covid diffusi ogni sera dalla Protezione Civile (**) MADE è un sistema di monitoraggio e analisi sviluppato da AIE il cui link è disponibile nelle home page di AIE (epidemiologia.it) e della rivista Epidemiologia & Prevenzione (epiprev.it) Rate 95% CI 5-yer RS (%) SE Rel Prevalence proportion 95% CI   % rare dai commenti 22,02 21.82-22.22 21,84 0,26% 74,31   123,40 18 26,11 …