Abstract

OBJECTIVES: to evaluate the associations among the emissions produced by “Centro olio Val d’Agri” (COVA), with mortality and hospitalization of residents in the Viggiano and Grumento Nova Municipalities, located in Val d’Agri (Basilicata Region, Southern Italy).
DESIGN: residential cohort study.
SETTINGS AND PARTICIPANTS: Lagrangians dispersion models to estimate the level of exposure at the address of residence to NOx concentrations as tracers of COVA emissions. Based on the tertile of NOx distribution, individual exposure was classified and a Cox model analysis was performed (hazard ratio, HR, trend with relative 95%CI). The association among exposure to NOx and the cohort mortality/hospitalization was evaluated considering age, socioeconomic status, and distance from the high traffic density road. The cohort included 6,795 residents (73,270 person-years) in the period 2000-2014.
MAIN OUTCOME MEASURES: causes of mortality and hospitalization due to cardio-respiratory diseases, recognised as associated to air pollution, with medium-short latency induction period, consistent with the period of operation at the COVA.
RESULTS: increasing trends were observed on three exposure classes for mortality due to circulatory system diseases (HR trend: 1.19; 95%CI 1.02-1.39), stronger considering women (HR trend: 1.19; 95%CI 1.02-1.39). From hospitalizations results, an increased risk emerges for respiratory diseases (HR trend: 1.12; 95%CI 1.01-1.25) and, for women, for diseases of the circulatory system (HR trend: 1.19; 95%CI 1.03-1.38), for ischemic diseases (HR trend: 1.33; 95%CI 1.02-1.74) and respiratory diseases (HR trend: 1.22; 95%CI 1.03-1.46).
CONCLUSIONS: the excesses of mortality and hospitalization emerged in areas most exposed to pollutants of industrial origin are relevant for preventive actions. It is recommended to define and implement a surveillance system for the entire resident population based on indicators of environmental pollution and related health outcomes on the basis of the scientific literature and the results achieved by the present study.

 Keywords: , , , ,

Riassunto

OBIETTIVI: valutare l’associazione tra le emissioni del Centro olio Val d’Agri (COVA), e la mortalità e le ospedalizzazioni dei residenti nei Comuni di Viggiano e Grumento Nova in Val d’Agri (Basilicata).
DISEGNO:
studio di coorte residenziale.
SETTING E PARTECIPANTI: modelli di dispersione lagrangiani per stimare all’indirizzo di residenza le concentrazioni di NOx, come tracciante delle emissioni del COVA. In base ai terzili della distribuzione di NOx, è stata classificata l’esposizione individuale ed è stata effettuata un’analisi con modello di Cox (hazard ratio, HR, del trend e intervalli di confidenza al 95%, IC95%). L’associazione tra esposizione a NOx e mortalità/ospedalizzazione della coorte è stata valutata considerando età, livello socioeconomico e distanza da strada ad alto traffico. La coorte ha incluso 6.795 soggetti (73.270 anni-persona) nel periodo 2000-2014.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: cause di mortalità e ospedalizzazione dovute a patologie del sistema cardio-respiratorio, a priori riconosciute associabili a inquinamento atmosferico, con induzione-latenza medio-breve, compatibili con il funzionamento del COVA.
RISULTATI: all’aumento della classe di esposizione è stato stimato un aumento del rischio di mortalità per malattie del sistema circolatorio (HR trend: 1,19; IC95% 1,02-1,39), più forte considerando le donne (HR trend: 1,29; IC95% 1,03-1,60). Dai risultati delle ospedalizzazioni emerge tra i residenti un aumentato rischio per malattie respiratorie (HR trend: 1,12; IC95% 1,01-1,25) e tra le donne per malattie del sistema circolatorio (HR trend: 1,19; IC95% 1,03-1,38), ischemiche del cuore (HR trend: 1,33; IC95% 1,02-1,74) e patologie respiratorie (HR trend: 1,22; IC95% 1,03-1,46).
CONCLUSIONI: gli eccessi di mortalità e ospedalizzazione emersi in aree più esposte a inquinanti di origine industriale sono rilevanti per decidere azioni di prevenzione. Si raccomanda la definizione e implementazione di un sistema di sorveglianza per tutta la popolazione residente basato su indicatori di inquinamento ambientale e di esiti sulla salute riconosciuti correlati sulla base della letteratura scientifica e dei risultati conseguiti dal presente studio.

 Parole chiave: , , , ,

* Gruppo di lavoro

Istituto di fisiologia clinica del CNR (IFC-CNR) e Fondazione toscana Gabriele Monasterio (CNR-Regione Toscana)*: Fabrizio Bianchi (responsabile scientifico), Elisa Bustaffa (coordinamento), Alessio Coi, Liliana Cori, Nunzia Linzalone, Sonia Marrucci*, Fabrizio Minichilli, Simonetta Monti*, Rosanna Panini, Ivana Pavlickova*, Renato Prediletto*, Michele Santoro; Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del CNR (ISAC-CNR): Cristina Mangia (LE), Marco Cervino (BO), Silvia Trini Castelli (TO), Luca Mortarini (TO), Andrea Bisignano (TO); Istituto per lo studio degli ecosistemi del CNR (ISE-CNR): Roberto Pini, Beatrice Pezzarossa, Antonio Pera, Manuele Scatena; Dipartimento di biologia, Università degli Studi di Bari: Gianluigi de Gennaro, Pietro Cotugno, Annamaria Demarinis Loiotile, Alessia Di Gilio, Jolanda Palmisani, Stefania Petraccone, Francesca Stasi; Dipartimento di epidemiologia del Servizio sanitario regionale del Lazio: Carla Ancona.

 02/02/2018      Visite