Abstract

Objectives: the present paper estimates the burden of asbestos-related disease among asbestos-cement production workers of the Sacelit plant that operated in San Filippo del Mela (Province of Messina) from 1958 through 1993.
Setting and participants:
the cohort was enumerated by the local committee of formerly exposed workers, with whom a collaboration was set up. The cohort includes 198 subjects with complete individual anagraphic information, out of 231 previous workers identified by the committee. A record-linkage with the Sicilian centre of the National mesothelioma registry enabled estimation of mesothelioma incidence for the years 1998-2008. Standardised proportionate mortality (SPMR) for asbestos-related causes was computed for the years 1986-2009. Sicilian Region constituted the reference population. The rationale for using SPMR rather than standardized mortality ratio (SMR) was a consequence for the lack of company files from which to obtain dates of start and termination of employment, and thus to compute person-years of observation, following the guidelines of the international scientific literature.
Results:
standardised incidence ratio (SIR) for mesothelioma in the overall cohort was 251 (4 observed, 0.02 expected). Proportionate mortality analysis among male subjects showed significant increases for pneumoconiosis (SPMR 80.1, 5 observed), lung cancer (SPMR 2.81, 10 observed) and pleural neoplasms (SPMR 19.4, 2 observed).
Conclusions:
notwithstanding limitations in cohort reconstruction, for which the proportion of eligible subjects was 87.5% of those detected by the local committee, and the lack of information on duration of employment, it was possible to estimate a significant increase of the incidence of pleural mesothelioma with respect to Sicilian population. Also mortality from asbestos-related causes was in excess with respect to the regional reference population.

 Keywords: , , ,

Riassunto

Obiettivo: il presente contributo ha prodotto la stima del carico di patologia asbesto-correlata fra gli addetti alla produzione di manufatti in cemento-amianto dello stabilimento Sacelit di San Filippo del Mela (Messina), attivo dal 1958 al 1993.
Setting e partecipanti:
la coorte dei lavoratori della Sacelit è stata ricostruita dal locale Comitato permanente ex-esposti amianto, con il quale gli autori hanno stabilito una proficua collaborazione. Dei 231 soggetti individuati, sono stati inclusi nell’analisi i 198 per i quali erano disponibili i dati anagrafici completi. Per l’analisi dell’incidenza del mesotelioma, i soggetti della coorte sono stati ricercati, attraverso un metodo di record linkage, nella banca dati del Centro operativo regionale del Registro nazionale mesoteliomi, per il periodo 1998-2008. Per l’analisi della mortalità sono state calcolate le proporzioni di mortalità nella coorte, con riferimento al periodo 1986-2009. La popolazione di riferimento è costituita dai residenti in Sicilia.
Risultati:
nella coorte il rapporto standardizzato di incidenza (SIR) relativo al mesotelioma è 251 (4 osservati; 0,02 attesi). L’analisi di mortalità proporzionale (SPMR) relativa alla popolazione maschile ha mostrato incrementi significativi per pneumoconiosi (5 osservati, SPMR=80,1), carcinoma polmonare (10 osservati, SPMR=2,81) e tumore maligno della pleura (2 osservati, SPMR=19,4).
Conclusione:
nonostante i limiti nella ricostruzione della coorte, per la quale è risultato eleggibile per lo studio l’85,7% dei soggetti segnalati dal comitato locale, e la mancanza di informazioni riguardo la durata della storia lavorativa dei soggetti, è stato possibile stimare un’incidenza del mesotelioma significativamente superiore a quella attesa in base ai dati di riferimento della Regione Sicilia. Anche la mortalità per cause asbesto-correlate risulta in eccesso rispetto alla popolazione regionale.

 Parole chiave: , , ,

 08/06/2010   12/01/2021      Visite