Abstract

OBJECTIVES: prevalence estimation of mental disorders and mental health services (SSM) utilization in 2011, using the administrative regional health databases (hospital discharge records, pharmaceu­tical prescriptions) and the regional database on Mental Health (SIRSM).
STUDY DESIGN
: descriptive population-based study.
SETTING AND PARTICIPANTS
: residents in a Local Health Unit (Flor­ence) of Tuscany Region (Central Italy) who have access to SSM and/or to hospital departments of psychiatry/neuropsychiatry and/ or have psycholeptic/psychoanalectic prescriptions.
MAIN OUTCOME MEASURES: frequencies; crude and age-standard­ized prevalence of patients who have access to the SSM or have ad­mission to a hospital psychiatric ward or have psycholeptic/psycho­analectic prescriptions.
RESULTS: a high prevalence (11.2%) of residents had at least one contact with health services for mental health problems, mostly (84%) for drug prescriptions only (20% of patients had a unique prescription during 2011). Depression is the most important disease (9.8% of residents had at least one prescription of antidepressants); mood disorders are the most common cause of adult access to SSM (35%-36%) and hospitalization in psychiatric ward (about 36% of admissions). Only a small proportion (about 15%) of patients with mental health problems have access to the SSM, presumably those with more severe diseases.
CONCLUSIONS
: results show that the information of the SIRSM database, together with pharmaceutical prescriptions (psycholeptic/ psychoanalectic) and hospitalisation in psychiatric ward, is a use­ful tool for assessing the prevalence of mental health problems in a population.

 Keywords: , , ,

Riassunto

OBIETTIVI: stimare la prevalenza dei disturbi mentali e il ricorso ai Servizi di salute mentale (SSM) utilizzando i flussi sanitari correnti (schede di dimissione ospedaliera, prescrizioni farmaceutiche) e il Sistema informativo regionale sulla salute mentale (SIRSM).
DISEGNO: studio descrittivo di popolazione.
SETTING E PARTECIPANTI: residenti nella ASL 10 della Toscana (Firenze) che nel 2011 si sono rivolti agli SSM e/o hanno usufruito di ricoveri ospedalieri in reparti di psichiatria/neuropsichiatria infantile e/o di prescrizioni di farmaci psicolettici/psicoanalettici a carico del Servizio sanitario nazionale.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: frequenze, prevalenze grezze o standardizzate per età di pazienti che si sono rivolti agli SSM e/o ricoverati in psichiatria e/o con prescrizioni di farmaci psicotropi.
RISULTATI: l’11,2% dei residenti ha avuto almeno un contatto con i servizi sanitari per problemi di salute mentale, nella maggior parte dei casi (84%) esclusivamente per prescrizioni farmaceutiche (il 20% ha una sola prescrizione nell’anno). La patologia depressiva è il problema più importante: il 9,8% dei residenti ha avuto nell’anno almeno una prescrizione di antidepressivi e i «Disturbi dell’umore» sono la causa più frequente di accesso degli adulti agli SSM (35%-36% dell’utenza) e di ricovero in reparto di psichiatria (circa il 36% dei ricoveri). Una quota limitata (circa il 15%) dei pazienti con problemi di salute mentale si rivolge agli SSM: presumibilmente si tratta dei casi più gravi.
CONCLUSIONI: lo studio mostra che il flusso informativo SIRSM, unitamente ai dati correnti di prescrizione farmaceutica e di ricovero ospedaliero, rappresenta uno strumento per valutare la prevalenza dei problemi di salute mentale nella popolazione e il conseguente ricorso ai servizi sanitari.

 Parole chiave: , , ,

 28/02/2016      Visite