Abstract

OBJECTIVE: evaluate, through active call, lifestyles of an asymptomatic population in order to identify hyperglycaemic subjects and/or high-blood pressure sufferers to dispatch to their GP to perform suitable checking, and subjects to invite to a cardiovascular disease prevention programme because of their lifestyles.
SETTING AND PARTICIPANTS
: between January 2009 and July 2012, all healthy residents in the Local Health Authority of Este (ULSS 17 Este) aged 45-59 years were invited to join a cardiovascular disease prevention programme.
DESIGN: all participants were evaluated through an administered lifestyle questionnaire. Parameters such as blood pressure (BP), glycaemia, waist circumference and body mass index were collected and recorded. Participants also received counseling, informational materials on lifestyle and were invited to individual or group health promotion initiatives in relation to personal risk factors.
RESULTS: among the invited, 55.5% (3,922/7,071) adhered. Women (58.8%) responded significantly better than men (51.9%) (p <0,01). Subjects without risks factors were 16.7%. Subjects with lifestyle risk factors but normal BP and glycaemia were 49.4%, while those adding altered values for BP and glycaemia were 25.2%. The 8.6% of the respondents were not eligible for the study.
CONCLUSIONS: the preliminary results suggest that a preventive programme based on the citizens active call by the Department of Prevention could be an effective tool to identify asymptomatic individuals with unknown hypertension and/or hyperglycaemia and to offer lifestyle interventions to lower the risk of cardiovascular diseases.

 Keywords: , , , ,

Riassunto

OBIETTIVI: valutare, tramite chiamata attiva, gli stili vita di una popolazione asintomatica per individuare soggetti iperglicemici e/o ipertesi da inviare al proprio medico di medicina generale (MMG) per gli accertamenti del caso e i soggetti da indirizzare a programmi di prevenzione e di promozione della salute a causa dei loro stili di vita.
SETTING E PARTECIPANTI: nel periodo compreso tra gennaio 2009 e luglio 2012, tutti i soggetti sani residenti nel territorio della ULSS 17 Este (PD) di età compresa tra i 45 e 59 anni sono stati invitati a un programma di prevenzione cardiovascolare.
DISEGNO: tutti gli aderenti sono stati valutati tramite un’intervista orientata al riconoscimento di eventuali stili di vita scorretti, sono stati sottoposti alla misurazione di circonferenza addominale, indice di massa corporea (BMI), pressione arteriosa sistolica (PAS) e diastolica (PAD), glicemia (tramite stick glicemico), hanno ricevuto counseling e materiale informativo sugli stili di vita e sono stati invitati a iniziative di prevenzione e/o di promozione della salute di tipo individuale o di gruppo in relazione ai fattori di rischio emersi.
RISULTATI: tra il 55,5% (3.922/7.071) della popolazione aderente, le donne (58,8%) aderiscono al progetto in maniera significativamente superiore rispetto agli uomini (51,9%) (p <0,01). La percentuale dei soggetti privi di fattori di rischio e valori di pressione arteriosa (PA) e glicemia alterati (classe A) è del 16,7% e decresce con l’aumentare dell’età. I soggetti con stili di vita alterati ma con PA e glicemia nella norma (classe B) sono il 49,4%, mentre i soggetti con anche PA e glicemia alterate sono il 25,2%. L’8,6% dei rispondenti, invece, non rientrava nei parametri di eleggibilità.
CONCLUSIONI: i risultati preliminari dello studio suggeriscono l’utilità di un programma di chiamata attiva, gestito con risorse ordinarie dal Dipartimento di prevenzione, come strumento per individuare soggetti ipertesi e/o iperglicemici non noti e asintomatici a cui proporre interventi di promozione degli stili di vita, ma anche di prevenzione e terapia.

 Parole chiave: , , , ,

 18/03/2014   12/01/2021      Visite