Abstract

Objective: raising awareness and knowledge in Pavia Public Primary School students, and indirectly in their parents, about environmental problems like waste recycling and energy saving, developing with games the concept of separate collection of rubbish; creating an environmentally conscious awareness and sense of responsibility towards sustainable behavior.
Design
: the educational program lasted six months. Data collection was performed using anonymous questionnaires, administered to “treated” students at the beginning and at the end of the program. The “control” population only answered a single questionnaire at the end of the project. It was also carried out an assessment of the fallout of the project on parents, through a questionnaire at the beginning and at the end of the program. At the end of the educational intervention, a satisfaction questionnaire was administered to teachers.
Setting and participants
: the enrolled population was composed of 1,358 students from 3rd, 4th and 5th classes of Public Primary Schools of the four Pavia School Districts: 938 “treated” students followed the program and 420 “controls” only answered the final questionnaire.
Main outcome measures: the data concerning the pupils’ knowledge are expressed in terms of frequencies: at first, we evaluated the comparison between “treated” students knowledge at the beginning and at the end of the program in each class, then we made the comparison between “treated” and “control” students at the end of the program.
Results
: the comparison of the final questionnaires (“treated” students vs “controls”) revealed in “treated” students higher knowledge of terms “waste” (94.5% vs 89.0%) and “separate collection”(97.3%vs 90.7%): the differences are statistically significant. Also the practice of separate collection of rubbish is more frequent in “treated” students’ families than in “control” ones (83.5%vs 71.4%, p =0.0001).The analysis of teachers’ satisfaction questionnaires showed positive ratings with high average scores for each item investigated. The analysis of parents’ questionnaires revealed that 99.8% of them knows the meaning and 89%practice separate collection of rubbish.
Conclusion
: the program has proved effective in increasing students’ short-term knowledge and making also families more interested in problems like waste recycling and separate collection of rubbish. The need of an awareness and environmental education campaign for the general population is apparent and the role of children, promoting knowledge and environmental behaviour changes in parents and community, has not to be underestimated.

 Keywords: , , ,

Riassunto

OBIETTIVO: sensibilizzare e aumentare negli alunni delle scuole primarie pubbliche di Pavia, e indirettamente nei loro genitori, le conoscenze ambientalistiche di riciclaggio dei rifiuti e di risparmio energetico, sviluppando – attraverso il gioco – il concetto di raccolta differenziata; creare una coscienza ambientale intesa come consapevolezza e senso di responsabilità verso comportamenti sostenibili.
DISEGNO
: il programma educativo ha avuto la durata di sei mesi. La rilevazione dei dati è stata effettuata mediante questionari anonimi, somministrati agli alunni “trattati” all’inizio e alla fine del programma. Alla popolazione di controllo è stato somministrato un solo questionario in corrispondenza della fine del progetto. E’ stata effettuata anche una valutazione della ricaduta del progetto sui genitori, somministrando un questionario consegnato dai bambini a inizio e fine programma. Alla fine del programma didattico, è stato somministrato agli insegnanti un questionario di gradimento per l’intervento effettuato.
SETTING E PARTECIPANTI: al progetto hanno partecipato 1.358 studenti frequentanti le classi terza, quarta e quinta delle scuole primarie pubbliche appartenenti ai quattro circoli didattici di Pavia: 938 “trattati” hanno svolto il programma e 420 “controlli” hanno solo compilato il questionario finale.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME
: i dati raccolti sulle conoscenze sono stati espressi in termini di frequenza: è stato dapprima eseguito il confronto tra le conoscenze dei “trattati” prima dell’inizio e alla fine del programma in ciascuna classe, poi il confronto delle conoscenze tra “trattati” e “controlli” al termine del programma.
RISULTATI
: il confronto dei questionari finali (“trattati” vs “controlli”) ha evidenziato differenze significative nelle conoscenze dei termini “rifiuto” (94,5%vs 89,0%) e “raccolta differenziata” (97,3% vs 90,7%), migliori nei “trattati” rispetto ai “controlli”. Anche la pratica della raccolta differenziata in famiglia è più frequente nei “trattati” che nei “controlli” (83,5% vs 71,4%, p =0,0001). L’analisi dei dati relativa al gradimento del programma da parte degli insegnanti ha dimostrato valutazioni positive con punteggi medi elevati per ogni argomento indagato. La valutazione dei questionari somministrati ai genitori ha evidenziato che il 99,8%di essi conosce il significato della raccolta differenziata e l’89%delle famiglie dichiara di praticarla.
CONCLUSIONE
: il programma si è dimostrato efficace nell’aumentare le conoscenze a breve termine degli alunni e nel fare in modo che, attraverso gli allievi, anche le famiglie siano maggiormente interessate al problema del riciclaggio dei rifiuti e della raccolta differenziata. La necessità di una campagna di sensibilizzazione ed educazione ambientale per la popolazione generale è evidente e non va sottovalutato il ruolo dei bambini che possono agire come catalizzatori per promuovere conoscenze e cambiamenti di comportamento ambientale nei genitori e nella comunità.

 Parole chiave: , , ,

 23/07/2012      Visite