Abstract

BACKGROUND: the prevalence of malnutrition among hospitalized patients varies between 19.8% and 50%, with approximately 31% of all hospital patients considered malnourished or at nutritional risk, both in European and in Italian hospitals. Nutritional screening is necessary to identify nutrition-related problems, but it is not largely performed at the admission or during hospitalization.
OBJECTIVES: to identify factors associated with the probability of performing nutritional screening during hospitalization and to describe BMI among inpatients in acute facilities of Friuli Venezia Giulia (FVG) Region (Northern Italy).
DESIGN: point prevalence survey.
SETTING AND PARTICIPANTS: the study was conducted in all the 18 hospitals of the FVG regional healthcare system; 58 trained surveyors collected data from 2nd to 30th October 2017. 
MAIN OUTCOME MEASURES: weight and height, presence of parenteral and enteral nutrition data of 2,553 patients were collected. 
RESULTS: BMI was determinable for 77.2% of people under study. Negative predictors for BMI screening were: spoke hospital (p<0.001), age over 65 years (p=0.005), both ‘ultimately fatal’ (p<0.001) and ‘rapidly fatal’ (p<0.001) McCabe score, presence of minimally invasive surgery (p=0.02); major surgery was a positive predictor (p<0.001). Prevalence of parenteral and enteral nutrition prescription was 4.0% and 3.6%, respectively; statistical differences were found according to care units and McCabe score (p<0.001). 
CONCLUSIONS: globally, BMI for inpatients in the surveyed hospitals is often assessed, but more investigations are needed to understand the reasons why the reported differences exist.

 Keywords: , , , ,

Riassunto

INTRODUZIONE: la prevalenza di malnutrizione tra i pazienti ospedalizzati varia da 19,8% a 50%; in Europa come in Italia si stima che il 31% dei degenti siano malnutriti o a elevato rischio nutrizionale. Benché la conduzione dello screening nutrizionale sia essenziale per l’identificazione dei problemi del paziente legati alla nutrizione, questa pratica è largamente sottoutilizzata sia al momento del ricovero del paziente sia durante la degenza.
OBIETTIVI: identificare i fattori associati all’effettuazione dello screening nutrizionale in corso di ricovero e descrivere la distribuzione dell’indice di massa corporea (IMC) tra i pazienti degenti in strutture ospedaliere per acuti del Friuli Venezia Giulia (FVG).
DISEGNO: studio di prevalenza puntuale.
SETTING E PARTECIPANTI: lo studio è stato condotto in 18 strutture sanitarie del FVG. I dati sono stati raccolti tra il 2 e il 30 ottobre 2017 da 58 professionisti formati ad hoc.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: dati quali presenza di peso e altezza nella documentazione clinica, nutrizione parenterale ed enterale in corso, sono stati raccolti per un totale di 2.553 pazienti.
RISULTATI: dai dati presenti nelle cartelle cliniche, è stato possibile ricostruire l’IMC per 77,2% dei pazienti presi in considerazione. Predittori negativi della conduzione dello screening dell’IMC sono: degenza in ospedale spoke (p<0,0001), età maggiore di 65 anni (p=0,005), punteggio McCabe “fatale” (p<0,0001) e “rapidamente fatale” (p<0,0001), chirurgia mini-invasiva durante il ricovero (p=0,02); la chirurgia maggiore durante il ricovero, invece, costituisce un fattore predittivo positivo per la conduzione dello screening. Rispettivamente, per il 4,0% e il 3,6% dei pazienti era in corso nutrizione parenterale ed enterale, con differenze significative in funzione del reparto di degenza e del punteggio McCabe (p<0,0001).
CONCLUSIONI: generalmente, l’IMC viene valutato durante il ricovero, ma con differenze significative nelle diverse categorie dei pazienti che meritano un approfondimento.

 Parole chiave: , , , ,

 30/06/2021   02/07/2021      Visite