Epidemiologia&Prevenzione

Risultati della ricerca per autore

Opzioni di ricerca  Termini recenti
×
Opzioni di ricerca:
Scrivi prima il nome poi il cognome e prova anche con l'opzione 'Cerca frase esatta'
Cerca solo tra questi:
×

  1. Carlo Zocchetti


14 risultati per Carlo Zocchetti


Indicatori per il monitoraggio dei percorsi diagnostico-terapeutici del tumore della mammella

A set of indicators to monitor the adherence to the guidelines for the diagnosis and treatment of breast cancer
Antonio Giampiero Russo, Anita Andreano, Emanuela Anghinoni, Mariangela Autelitano, Aldo Bellini, Maurizio Bersani, Luca Cavalieri d'Oro, Adriano Decarli, Silvia Lucchi, Emerico Panciroli, Magda Rognoni, Giuseppe Sampietro, Maria Grazia Valsecchi, Marco Villa, carlo zocchetti, Alberto Zucchi
Attualità - 18/12/2013

La sfida per l'SSN di oggi e di domani è il territorio

For the National Health Service, primary care is the real challenge
carlo zocchetti
Quando si pensa al Servizio sanitario nazionale (SSN) vengono subito alla mente due contesti: da una parte l’ospedale (e il complesso di vicende che lo caratterizzano come strumento tramite il quale si affrontano momenti particolarmente critici della nostra vita, tali sono i periodi di ricovero per malattia), dall’altro la prevenzione (come percorso positivo per allontanare nel tempo l’inevitabile insorgenza delle malattie e delle rispettive conseguenze). Da un punto di vista c…
Attualità - 15/04/2013

Zeta o non zeta? Questo è il problema

Cesare Cislaghi, carlo zocchetti
Un piccolo ripasso di statistica… Sono sempre più frequenti i tentativi di costruire degli indicatori sintetici a partire da indicatori elementari. La maggiore difficoltà che si incontra in questa operazione è dovuta al fatto che le unità di misura e le distribuzioni di questi indicatori elementari sono quasi sempre molto differenti. Anche l’operatore non specializzato intuisce facilmente che se abbiamo, per esempio, due indici come peso e altezza delle p…
Editoriali - 26/11/2012

La salute ai tempi della crisi in Italia

Health and economic crisis in Italy
Giuseppe Costa, Paola Michelozzi, Carla Ancona, Nicoletta Bertozzi, Nicola Caranci, Valeria Fano, Rosa Gini, Roberto Gnavi, carlo zocchetti
L’epidemiologia italiana arriva al suo XXXVI appuntamento col congresso annuale nel mezzo della peggiore crisi dal dopoguerra, una crisi prima finanziaria poi economica e ora anche sociale che sta investendo molti Paesi in Europa, e l’Italia in particolare per la sua vulnerabilità alla volatilità dei mercati e la sua resistenza all’innovazione. Le misure di austerità intraprese o subite dal governo e, a cascata, dalle amministrazioni regionali e locali soll…
Rubriche - 23/07/2012

Il finanziamento pro capite regionale: attenti a interpretarlo!

Regional pro capite funding: how to unscramble it
Cesare Cislaghi, carlo zocchetti
Il riparto alle Regioni del Fondo sanitario nazionale (FSN) è uno degli argomenti più importanti della programmazione sanitaria del nostro Paese, e pertanto non è un caso che susciti molta discussione e robusti contrasti sia tra gli addetti ai lavori sia, più in generale, tra i cittadini. È noto che il riparto del fondo alle Regioni avviene attraverso il meccanismo cosiddetto della «quota capitaria pesata», cioè un insieme articolato di crite…
Rubriche - 05/06/2012

Errori nell’identificativo personale e conseguenze sulle stime di prevalenza con record linkage

Errors in personal identification codes and their consequencies on prevalence estimations using record linkage
Cesare Cislaghi, carlo zocchetti, Antonio Giampiero Russo
La disponibilità di data base amministrativi ricchi di informazioni e i cui dati individuali relativi alle prestazioni usufruite sono riferibili tramite un identificativo ai differenti soggetti consente di arrivare a stimare alcune misure epidemiologiche prima difficilmente ottenibili con altri metodi se non attraverso indagini ad hoc o sistemi complessi e onerosi come i registri di patologia. L’utilizzo principale finora attuato è quello della stima di prevalenza ottenuta co…
Rubriche - 13/12/2011

Come si calcola l’ospedalizzazione giornaliera?

Daily ospitalization: options to compute it
Cesare Cislaghi, carlo zocchetti
Quanti sono i posti letto occupati ogni giorno nelle strutture ospedaliere italiane? E quanto vale il tasso medio di occupazione dei posti letto nei nostri ospedali? Per rispondere al primo quesito si può pensare che basti prendere le SDO (scheda di dimissione ospedaliera) e calcolare la somma delle giornate di degenza di tutti i ricoveri (ordinari, per esempio) di un anno; mentre per calcolare il tasso medio di occupazione sia sufficiente dividere le giornate di degenza totali (risposta …
Rubriche - 15/09/2011

La correzione per il case-mix è un optional?

Is the adjustment for the case-mix optional?
Cesare Cislaghi, Antonella Sferrazza, carlo zocchetti
L’intesa del 3 dicembre 2009 tra il governo e le regioni concernente il nuovo patto per la salute per gli anni 2010-2012 prevede, tra l’altro, di «monitorare i livelli essenziali di assistenza in relazione alla definizione dei costi standard» (art. 10 c.3) e all’art. 2 elenca gli indicatori su cui si deve basare il monitoraggio: in particolare, quelli indicati al punto 2b riguardano gli indicatori sui costi medi, e sono riportati nell’allegato 2. Allegato 2 C…
Rubriche - 10/06/2011

Variabilità dei rischi e variabilità dei tassi

Risk variability and rate variability
Cesare Cislaghi, Antonella Sferrazza, carlo zocchetti
Un’espressione molto spesso usata, seppur sia in larga parte solo gergale, è la seguente: «L’età spiega il 45% (o un altro valore) della variabilità della frequenza di ospedalizzazione». Ma non è sempre chiaro cosa si intenda con questa espressione: è facile equivocare tra diverse possibili interpretazioni.La si può usare per dire che il 45% (o un altro valore) è il maggior rischio di ospedalizzarsi dovuto all’età e che, quindi, se l’età fosse una variabile binaria (giovani-an…
Rubriche - 14/03/2011

Attenzione a come si misura la deospedalizzazione

Measuring de-hospitalization is not an easy job: pay attention!
carlo zocchetti, Cesare Cislaghi
Introduzione Tra i tanti ingredienti di programmazione che riempiono le agende di chi discute del futuro del servizio sanitario la deospedalizzazione non manca mai dal menù. E si tratta di una scelta comprensibile da tanti punti di vista: in termini di economicità, seguendo il dettato (per esempio) del Dlgs 502/1992 laddove si invita a fare un uso efficiente delle risorse nella modalità di organizzazione ed erogazione della assistenza (art. 1); in termini di appropriatezza …
Rubriche - 22/12/2010

Per valutare l’intensità della mobilità ospedaliera non basta contare quanti escono da una Regione per farsi ricoverare.

To evaluate the intensity of hospitalisation mobility, it is not enough to count how many people leave a Region for hospital admission
Cesare Cislaghi, carlo zocchetti, Emidio Di Virgilio
Il fenomeno da misurare L’analisi della mobilità è uno degli argomenti ‘caldi’ nelle discussioni politiche e programmatorie della sanità italiana. È un argomento ‘caldo’ sia perché ai flussi di mobilità sono associate cifre elevate di trasferimenti monetari tra le Regioni (circa 3 miliardi e mezzo di euro) sia perché la mobilità si concentra soprattutto in alcune Regioni vuoi nella componente passiva vuoi in qu…
Attualità - 10/08/2010

Valutare perché. Commenti alla Carta dell’Isola Tiberina

Mario Braga, Cesare Cislaghi, Giuseppe Costa, carlo zocchetti
Il convegno AIE-AGENAS che si è svolto a Roma non è stato uno dei tanti convegni e seminari “culturali” sul tema delle metodologie per la valutazione dei sistemi sanitari che si susseguono numerosi di questi tempi; è stato un incontro operativo e proficuo tra operatori della valutazione, metodologi delle analisi quantitative e decisori che necessitano degli strumenti e dei risultati della valutazione. Di valutazione se ne sta parlando molto, ma non se ne sta facendo altrettanta, e quel po…