Abstract

OBJECTIVES: to assess the incidence of fatal and non-fatal major cardiovascular diseases and cancers in people with different cardiovascular risk profile of a longitudinal cohort.
DESIGN:
longitudinal study carried out in a large sample of general population, with a median follow-up of 17.7 years.
SETTING AND PARTICIPANTS:
MATISS longitudinal cohort, 7,491 men and women aged 20-75 years, free of cancer or cardiovascular diseases at baseline. Two cardiovascular risk groups (low-intermediate cardiovascular risk and high cardiovascular risk) and two educational levels (low level: primary school; middle/high level: middle/high school, university) have been considered.
MAIN OUTCOME MEASURES:
for both cancer and cardiovascular events the standardized incidence rates have been calculated, taking into account the cardiovascular risk profile and the educational level.
RESULTS:
people with a high-risk profile have higher incidence of major cardiovascular diseases and cancers. Furthermore, incidence rates are higher in people with lower educational level, except for cardiovascular diseases in men.
CONCLUSIONS:
this study shows that, in the considered population, cancer incidence rates are higher than cardiovascular diseases rates; moreover, cancer incidence is higher in people with high-risk cardiovascular profile. The increase of prevalence of favourable risk profile in the general population could represent effective community strategies for prevention of cardiovascular diseases and cancer. Major attention should be dedicated towards people at lower socioeconomical level.

 Keywords: , , ,

Riassunto

OBIETTIVI: valutare l’incidenza degli eventi fatali e non fatali cardiovascolari maggiori e dei tumori maligni in persone con differente profilo di rischio cardiovascolare della coorte seguita longitudinalmente.
DISEGNO:
studio longitudinale condotto su un campione di popolazione generale, con un follow-up mediano di 17,7 anni.
SETTING E PARTECIPANTI:
coorte longitudinale MATISS, 7.491 uomini e donne di età compresa tra i 20 e i 75 anni, senza eventi tumorali o cardiovascolari maggiori all’arruolamento. Sono state considerate: due classi di rischio cardiovascolare (rischio basso-borderline e rischio alto) e due livelli di istruzione (basso: scuola elementare; medio/alto: scuola media/superiore, laurea).
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME:
sono stati calcolati, considerando il profilo di rischio cardiovascolare e il livello di istruzione, i tassi di incidenza standardizzati per età sia per gli eventi tumorali sia per gli eventi cardiovascolari maggiori.
RISULTATI:
le persone a rischio cardiovascolare elevato hanno maggiore incidenza di malattie cardiovascolari e di tumori maligni. Inoltre, i tassi di incidenza sono maggiori nelle persone a scolarità più bassa, eccetto le malattie cardiovascolari negli uomini.
CONCLUSIONI:
lo studio dimostra che nella popolazione di età 20-75 anni l’incidenza dei tumori è maggiore rispetto alle malattie cardiovascolari; inoltre, per i tumori l’incidenza è più elevata nel gruppo con profilo di rischio cardiovascolare alto. L’aumento della prevalenza del profilo di rischio favorevole nella popolazione generale è una strategia efficace per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e dei tumori. Maggiore attenzione va rivolta alle persone di livello socioeconomico più basso.

 Parole chiave: , , ,

 11/12/2016      Visite