2005 - Avvio dell'inchiesta

Rilevando le ripetute procedure d’infrazione mosse dall’Unione europea al nostro Paese per il superamento dei limiti di inquinamento atmosferico in alcune aree, tra cui la Piana fiorentina, la Procura di Firenze avvia le indagini sull’inquinamento da PM10 e biossido di azoto nel territorio di Firenze.

2007 - luglio: avvisi di garanzia

Gli amministratori locali inquisiti ricevono gli avvisi di garanzia.

Ottobre: richiesta di rinvio a giudizio

La procura di Firenze chiede il rinvio a giudizio del presidente della Regione Toscana Claudio Martini, del sindaco di Firenze Leonardo Domenici e di altri quattro primi cittadini dell’area omogenea fiorentina (Comuni di Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa e Calenzano), dell’ex assessore regionale all’ambiente Marino Artusa e dei suoi colleghi dei Comuni coinvolti nell’indagine. Secondo la Procura, gli amministratori non hanno attuato misure per la protezione della salute dei cittadini «malgrado il flusso dei dati di rilevamento della qualità dell’aria imponesse con urgenza e senza indugio di provvedere per rimanere nei limiti di emissione massima consentiti»...Accedi per continuare la lettura

 04/08/2014      Visite