Abstract

OBJECTIVES: to analyse the association between smoking behaviour and economic crises in Italy between 1993 and 2015.
DESIGN: ecological study, carried out on data of the Italian National Institute of Statistics, by means of fixed-effect panel regressions. 
SETTING AND PARTICIPANTS: the rate of smoking prevalence (disaggregated by gender and age) and the unemployment rate (disaggregated by gender and referring to individuals aged 15 or more) were collected for each of the twenty Italian regions. Also, percentage fluctuations of the national real gross domestic product (GDP) were collected to identify the years of severe economic crisis.
MAIN OUTCOME MEASURES: number of people who smoke per 100 people with the same features.
RESULTS: among men, increased regional unemployment rate was associated with increased smoking behaviour only in the group aged 25-34 years. Differently, severe economic crises were associated with increased smoking in almost all age groups, except for men aged 15-24 years. A 1-point decrease in GDP was associated with 0.75 more smokers aged 15 years or more. The highest coefficient was reported among men aged 35-44 years, where a 1-point decrease in GDP was associated with 1.16 more smokers (every 100 men). This age group is also featured by the second highest prevalence of tobacco smoking (36.8%). Among women, a 1-point increase in the regional unemployment rate was associated with 0.08 less smokers every 100 women. Similarly, periods of severe economic crisis at national level were associated with reduced smoking behaviour among women aged 15 years or more, specifically those aged 15-24 years. Differently, women aged 25-34 and 65 years or more showed an association similar to that reported among men. In these groups, a 1-point decrease in GDP was associated with 0.67 and 1.08 more smokers every 100 women. While among the latter the prevalence of tobacco smoking is the lowest, among the former it is the third highest prevalence (21.69%). Therefore, increased smoking behaviour due to economic crises seems to occur especially among women aged 25-35 years old, as happens among men.
CONCLUSIONS: men in almost all age groups and women aged 25-34 and 65 years or more represent vulnerable groups in which smoking behaviour may increase in times of economic hardship. Therefore, specific policies should be implemented to prevent this occurrence, as well as the negative health outcomes of tobacco smoking.

 Keywords: , , , ,

Riassunto

OBIETTIVI: analizzare l’associazione tra abitudine tabagica e crisi economiche in Italia tra il 1993 e il 2015.
DISEGNO: studio ecologico, condotto su dati dell’Istituto nazionale di statistica attraverso regressioni panel a effetti fissi. 
SETTING E PARTECIPANTI: per ognuna delle venti regioni italiane è stata raccolta la percentuale di persone che fumano tabacco (ripartita per genere ed età) e il tasso di disoccupazione (ripartito per genere e riferito a individui con età uguale o maggiore di 15 anni). Inoltre, le variazioni percentuali del prodotto interno lordo (PIL) sono state raccolte per identificare gli anni di grave crisi economica.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: numero di persone che fumano per 100 persone con le stesse caratteristiche.
RISULTATI: tra gli uomini, un aumento del tasso di disoccupazione regionale è risultato associato a un aumento dei fumatori solo nel gruppo di età 25-34 anni. Diversamente, le gravi crisi economiche sono risultate associate a un aumento del consumo di tabacco in quasi tutti i gruppi di età, con l’eccezione degli uomini di 15-24 anni. Una riduzione unitaria del PIL è risultata associata con 0,75 fumatori in più di età superiore ai 15 anni. Il coefficiente più alto è stato riportato tra gli uomini di età compresa tra 35 e 44 anni, dove una riduzione unitaria del PIL è risultata associata a 1,16 fumatori in più (ogni 100 uomini). Questa fascia di età è anche caratterizzata dalla seconda più alta prevalenza di fumo di tabacco (36,8%). Tra le donne, un aumento unitario del tasso di disoccupazione regionale è risultato associato a 0,08 fumatrici in meno (ogni 100 donne). Allo stesso modo, periodi di grave crisi economica a livello nazionale sono risultati associati a ridotto consumo di tabacco tra le donne di età superiore ai 15 anni, specificamente quelle di età compresa tra 15 e 24 anni. Diversamente, le donne di età compresa tra 25 e 34 anni e quelle di età superiore ai 65 anni hanno mostrato un’associazione simile a quella riportata per gli uomini. In questi due gruppi, una riduzione unitaria del PIL è risultata associata a 0,67 e 1,08 fumatrici in più (ogni 100 donne), rispettivamente. Mentre nel gruppo 65+ anni la prevalenza di fumo di tabacco è la più bassa, tra le donne di 25-34 anni è la terza più alta (21,69%). Di conseguenze, l’aumento del consumo di tabacco dovuto alle crisi economiche avviene soprattutto tra le donne di età compresa tra 25-34 anni, come tra gli uomini. 
CONCLUSIONI: gli uomini in quasi tutte le fasce di età e le donne di età compressa tra 25 e 34 anni e di età superiore ai 65 anni rappresentano gruppi vulnerabili, in cui l’abitudine tabagica può aumentare in periodi di difficoltà economica. Pertanto, politiche specifiche dovrebbero essere implementate al fine di evitare tale occorrenza, così pure le conseguenze negative del fumo di tabacco per la salute.

 Parole chiave: , , , ,

 30/06/2021   02/07/2021      Visite