Leggendo la lettera del professor Borzacchiello su limiti e potenzialità di un registro dei tumori che insorgono negli animali non ho potuto evitare di notare le similitudini con quelli di un registro dei tumori umani. Seguendo i punti da lui indicati:

Se l’obiettivo è la misura dell’incidenza un registro deve essere population-based. L’istituzione di un’anagrafe per la registrazione degli animali sembra la soluzione e anche i limiti identificati richiamano i grandi miglioramenti nella qualità e completezza che sono occorsi nel tempo nelle anagrafi degli assistibili delle ASL. L’utilizzo di un flusso informativo porta al suo miglioramento... Accedi per continuare la lettura
 21/11/2014      Visite