Epidemiologia&Prevenzione

Risultati della ricerca per autore

Opzioni di ricerca  Termini recenti
×
Opzioni di ricerca:
Scrivi prima il nome poi il cognome e prova anche con l'opzione 'Cerca frase esatta'
Cerca solo tra questi:
×

  1. Federica Rota


7 risultati per Federica Rota


Rubriche - 08/07/2019

La doppia anima dei retrovirus

The double soul of retroviruses
Valentina Bollati, federica rota
Non solo i virus sono intorno a noi, ma in noi. Sorprendentemente, o forse no, più della metà del nostro genoma è fatta di sequenze ripetute, come se in un libro ci fossero pagine o gruppi di lettere che si ripetono centinaia o migliaia di volte. Ma c’è di più: alcune di queste pagine provengono da altri libri. Infatti, circa l’8% del nostro genoma è composto da sequenze derivanti da retrovirus endogeni, indicati comunemente con l’acron…
Rubriche - 28/03/2019

Mutazioni e modificazioni epigenetiche del DNA, alterazioni complementari nello sviluppo del melanoma

DNA mutations and modifications, complementary alteration in melanoma development
federica rota, Valentina Bollati
L’estate è ormai lontana e con essa anche le tanto agognate vacanze. Sicuramente in tanti avranno sfoggiato nei mesi scorsi una tintarella invidiabile. Ma quanti di noi si saranno preoccupati di proteggere la propria pelle e di preservare la propria salute? Purtroppo ancora oggi si pensa che, per un’abbronzatura da urlo, sia preferibile non proteggersi dai raggi solari ed esporsi al sole anche nelle ore più calde della giornata. Ma davvero sappiamo, così facendo,…
Rubriche - 11/12/2018

Il ritmo della vita

The rhythm of life
Valentina Bollati, federica rota
Nell’antica Grecia del IV secolo a.C., Androstene, naturalista e medico al seguito di Alessandro Magno, notò che le foglie del tamarindo si aprono durante il giorno e si chiudono di notte. La sua è stata la prima descrizione di un ritmo circadiano.È poi nel Settecento che la cronobiologia acquisisce sempre più un carattere sperimentale, attraverso gli importanti esperimenti dell’astronomo francese Jean-Jacques d’Ortous de Marain (1678-1771) sulla Mim…
Rubriche - 11/08/2018

L’importanza epigenetica dei primi 1.000 giorni

The epigenetic relevance of the first 1,000 days
Valentina Bollati, federica rota
Numerosi studi epidemiologici ci indicano che gli stress ambientali durante il periodo pre-natale possono portare allo sviluppo di disturbi metabolici, quali l’obesità, il diabete di tipo 2, l’ipertensione e alcuni disturbi psichiatrici caratteristici della vita adulta. Questo modello teorico è conosciuto con la sigla DOHaD (Developmental Origins of Health and Disease) e si basa sull’ipotesi che la “memoria epigenetica”, comprendente meccanismi quali l…
Rubriche - 11/04/2018

Carezze al DNA per vivere più sani

Caress your DNA, live healthier!
Valentina Bollati, federica rota
In un recente studio condotto presso l’Università di Cambridge da Moore et al. si mette in evidenza l’importanza delle interazioni tra la madre e i suoi piccoli nelle prime fasi della vita e il ruolo giocato dai meccanismi epigenetici, in particolare dalla metilazione del DNA, in questa fondamentale fase della crescita.1 In questo studio, infatti, è emersa un’importante associazione tra la quantità di abbracci dati dalle mamme ai loro figli nelle prime sett…
Rubriche - 02/02/2018

Epigenetica e inquinamento dell’aria: un argomento “caldo”

Epigenetics and air pollution: a “hot” topic
federica rota, Andrea Cattaneo, Valentina Bollati
Non solo traffico Probabilmente la maggior parte di noi ha ancora la ferma convinzione che siano il traffico e le auto i principali colpevoli dell’inquinamento atmosferico. Ancora oggi, infatti, nell’opinione pubblica e nel dibattito politico-istituzionale, il tema dell’inquinamento atmosferico nelle città italiane è associato in maniera prevalente al settore della mobilità e dei trasporti motorizzati.Oggi si può, tuttavia, asserire che il traffico n…
Rubriche - 11/12/2017

Homo faber fortunae suae?

Homo faber fortunae suae?
Valentina Bollati, federica rota
Molti di noi vivono nella convinzione che il nostro corpo sia una macchina la cui composizione interna ed esterna dipende unicamente dai geni che la costituiscono. C’è chi è abituato a pensare che le nostre caratteristiche peculiari, quali le capacità artistiche o intellettive, ma anche i nostri punti deboli, come le malattie cardiovascolari, i tumori, i disordini psicologici e psichici, altro non fossero che tratti distintivi programmati dai nostri geni. Il tutto si s…