Epidemiologia&Prevenzione 2013, 37 (2-3) marzo-giugno

Il progetto SENTIERI sui siti di interesse nazionale per le bonifiche (SIN): Brindisi alla salute?

Maurizio Portaluri, Giuseppe Latini, Valerio Gennaro, Patrizia Gentilini, Agostino Di Ciaula

I dati epidemiologici dovrebbero servire ad aiutare i governanti a indirizzare le loro scelte politiche. Accade che un’erronea interpretazione dei dati finisca per giustificare la conservazione dello status quo ante e la mancata assunzione di decisioni a tutela della salute e dell’ambiente. Nello studio SENITERI sulla mortalità nei siti inquinati in Italia, in 11 casi su 44 la mortalità delle donne è significativamente inferiore alla media regionale. A giudizio degli autori di questo intervento, è possibile che non tutta la popolazione delle città esaminate subisca il medesimo impatto da parte del sito inquinato. Si ricordano a titolo di esempio le situazioni di Brindisi e Manfredonia. È necessario, quindi, condurre studi subcomunali e utilizzare non soltanto i dati di mortalità, ma anche gli altri dati sanitari disponibili.

epiprev.it Epidemiologia & Prevenzione
0