Epidemiologia&Prevenzione 2015, 39 (2) marzo-aprile

Impatto dell’abolizione del libretto di idoneità sanitaria per alimentaristi sui tassi di notifica delle malattie a trasmissione alimentare in Italia

Giuseppe Napoli, Emanuele Amodio, Claudio Costantino, Valentina Sciuto, Caterina Mammina, Giuseppe Calamusa

OBIETTIVI: valutare l’andamento dei tassi di notifica delle malattie a trasmissione alimentare in concomitanza con la sospensione dell’obbligatorietà del libretto di idoneità sanitaria per gli alimentaristi da parte delle Regioni italiane.
DISEGNO: sono stati confrontati i tassi delle malattie a trasmissione alimentare notificate prima e dopo la sospensione del libretto di idoneità sanitaria per alimentaristi.
SETTING E PARTECIPANTI: lo studio ha utilizzato i dati di notifica raccolti in Italia tra il 1996 e il 2009 attraverso il sistema di sorveglianza delle malattie infettive SIMI.
PRINCIPALIMISURE DI OUTCOME: tassi annuali di sette principali malattie a trasmissione alimentare.
RISULTATI: nella maggior parte delle Regioni italiane, i tassi di notifica di malattie a trasmissione alimentare si sono ridotti significativamente negli anni successivi alla sospensione del libretto di idoneità sanitaria per alimentaristi.
CONCLUSIONI: la sospensione del libretto di idoneità sanitaria non ha coinciso con alcun incremento dell’incidenza stimata delle malattie a trasmissione alimentare. Inoltre, la variabilità e la distribuzione spaziale e temporale dei tassi di notifica suggeriscono la possibilità che diversi altri fattori abbiano contribuito a questo esito, tra cui le disomogeneità territoriali di performance del sistema di sorveglianza.

epiprev.it Epidemiologia & Prevenzione
0