In primo piano

XLI Convegno AIE, Mantova 25-27 ottobre 2017Convegno AIE

Quando in Segreteria abbiamo cominciato a parlare del Convegno AIE 2017 ci è stato subito chiaro che uno dei nostri obiettivi doveva essere ... (leggi tutto)


L’uso terapeutico della cannabis è sicuro ed efficace?

E&P pubblica in advance una revisione sistematica condotta dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio - ASL Roma1, che riassume e valuta i risultati degli studi disponibili sull’efficacia terapeutica della cannabis nel controllo della spasticità e del dolore nei malati di sclerosi multipla, nel trattamento del dolore neuropatico cronico e nel controllo di nausea e vomito nei pazienti oncologici in trattamento chemioterapico. Gli studi reperiti sono di bassa qualità occorre quindi condurre ulteriori ricerche, ma già da ora si può intravvedere, tra tante incertezze, che nel caso della spasticità e del dolore dei malati di sclerosi multipla, il confronto con un placebo è a favore della cannabis. E’ necessario continuare a indagare sulla tollerabilità e l’efficacia assoluta e comparativa di queste sostanze in ambito medico perché si possano prendere decisioni di politica sanitaria basate sulle prove. Leggi l'articolo (Free-full-text).

Intervista a Joel Schwartz, epidemiologo ambientale

clima-trumpDopo la plateale uscita degli Stati Uniti dagli accordi di Parigi sul clima abbiamo incontrato Joel Schwartz, professore della Harvard University School of Public Health di Boston, e gli abbiamo posto alcune domande sul perché è stato un errore abbandonare il tavolo degli accordi e su come cambia il lavoro dei ricercatori in un contesto così poco favorevole agli studi di epidemiologia ambientale (leggi l'intervista)

EPIAMBNET : costruiamo la rete italiana di epidemiologia ambientale

Per favorire le attività “Ambiente e Salute” previste dal Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018, è stata creata la rete nazionale di epidemiologia ambientale EpiAmbNet (progetto CCM del Ministero della Salute). Questa rete si occuperà di valorizzare le esperienze di valutazione integrata su ambiente e salute, e metterà a disposizione nuovi strumenti per la formazione e la comunicazione. In particolare si sta sviluppando una mappa della rete dove verrà mostrato l’organigramma e la produzione scientifica degli ultimi 5 anni per ciascun nodo della Rete dell’epidemiologia ambientale italiana. Il 7-8 novembre 2017 si terrà a Bologna il primo convegno dal titolo Ambiente e salute: un impegno per ridurre gli impatti sulla salute delle esposizioni ambientali.

GLIFOSATO erbicida

Invitiamo i lettori di E&P a prendere visione della lettera inviata da Christopher Portier, tossicologo da tempo impegnato negli studi sul glifosato, al presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Sulla base della rianalisi dei dati grezzi degli studi riguardanti la potenziale cancerogenicità dell’erbicida sugli animali, Portier critica le valutazioni dell'Agenzia europea per le sostanze chimiche (Echa)  e dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e segnala che gli eccessi di tumori rilevati in 8 diverse circostanze non sono stati inclusi nelle valutazioni espresse dalle due Agenzie. Per questo motivo chiede – in nome della difesa della salute pubblica – che la revisione venga rifatta e che  non venga rinnovata l’autorizzazione all'uso del diserbante per i prossimi 10 anni.

PRECARIOLOGIA PIEMONTESE

precariIl precariato nell’epidemiologia piemontese ieri e oggi. E domani? Questa è la domanda che si pone il Gruppo Epidemiologia & Precariato. La riflessione si focalizza sulle carenze di organico nel servizio sanitario regionale che determinano un uso sistematico delle forme di lavoro flessibile in sostituzione del personale necessario per l’attività ordinaria; sui meccanismi di finanziamento che penalizzano l’epidemiologia; sul mancato raggiungimento della soglia dimensionale necessaria per rispondere a compiti di scala sovraregionale e attrarre i relativi investimenti che sarebbero alla portata delle competenze  dell’epidemiologia e della documentazione piemontese; e infine sull’accesso sempre più  difficoltoso ai dati sanitari correnti. Il tutto accompagnato da una efficace infografica.

AIE giovani: resoconto dal convegno AIE di Primavera

Locandina AIE giovaniIl convegno "Epidemiologia 3.5: se dico John Snow, a cosa pensi?" ha riscosso un grande successo. Tre le sessioni: #PeopleHaveThePower ha messo in luce le evoluzioni delle popolazioni studiate e la necessità dell'epidemiologia di stare al passo; in #WorkInProgress si è discusso delle difficoltà sia di formazione sia di accesso al mondo del lavoro per gli epidemiologi; infine, nella sessione plenaria #WeCanWorkItOut si è cercato di capire quanto l'epidemiologia possa avere un reale impattosui temi caldi dell'attualità. Sul prossimo numero di E&P verrà pubblicato un resoconto dettagliato dell'evento.

Per informazioni su AIE Giovani clicca qui
Per scaricare le presentazioni  clicca qui


Quarant'anni di salute a Torino

VolumeTorinoIl 17 marzo, a Torino, è stato presentato il volume «Quaran'anni di salute a Torino. Spunti per leggere i bisogni e i risultati delle politiche». Lo studio, realizzato dalla Rete di Epidemiologia del Piemonte e dal Centro regionale di documentazione per la promozione della salute-DORS, è uno strumento prezioso da oggi a disposizione di operatori e istituzioni, pubblica amministrazione e nuovi soggetti del welfare.
Il volume, edito da Inferenze, è disponibile su questo sito in versione free-full-text .


Int J EpidemiologyDisponibili tutti i video della Conferenza di Bristol

Is (publishing) epidemiology history? è il titolo della conferenza organizzata il 7 ottobre a Bristol da Shah Ebrahim e George Davey Smith, direttori uscenti dell’International Journal of Epidemiology. I molti interventi di epidemiologi, giornalisti, geografi e storici permettono di comporre un quadro dello status della epidemiologia, del suo essere una scienza che si occupa della salute della popolazione, ma anche di riflettere sull'importanza dei suoi valori. Uno sguardo sul passato e sul futuro della disciplina utile anche agli epidemiologi italiani. (Leggi tutto)


Parco della musica10 interviste ai protagonisti
della Conferenza ISEE 2016

Sul sito ISEE 2016 sono state pubblicate 10 videointerviste ad alcuni dei protagonisti della 28a Conferenza dell'International Society for Environmental Epidemiology, svoltasi a Roma dall'1 al 4 settembre. In ordine di apparizione: Joel Schwartz, Shira Kramer, Rodolfo Saracci, Francesca Dominici, Elaine Fuertes, Donna Mergler, Donna Vorhees, Andy Haines, Annette Peters e, infine, Francesco Forastiere, che offre un'utile overwiev della Conferenza. Non perdetevele!


Attualità di E&P

L’approccio controfattuale negli studi epidemiologici sugli effetti dell’inquinamento atmosferico

L’editoriale pubblicato sullo scorso numero di Epidemiologia&Prevenzione firmato da Lorenzo Richiardi et al.1 fornisce un’interessante panoramica sul ruolo dell’inferenza causale in epidemiologia. Prendendo spunto dalle riflessioni in esso...

Leggi tutto...

Una post-verità sui tumori infantili in Italia

Ventotto ricercatori e operatori della salute pubblica italiani attivi in venti prestigiose istituzioni (dall’Università di Napoli all’Istituto europeo della ricerca su cancro e ambiente, dal Consiglio nazionale delle ricerche alla Queen Mary...

Leggi tutto...

IL SESTANTE. Migranti

Ho avuto la fortuna di lavorare per diciotto anni alla International Agency for Research on Cancer con Lorenzo Tomatis (ricorrono in settembre dieci anni dalla scomparsa). Più di una volta mi ha rammentato: «C’è un problema con voi epidemiologi:...

Leggi tutto...

Articoli Scientifici

Revisione sistematica sull’efficacia terapeutica e la sicurezza della cannabis per i pazienti affetti da sclerosi multipla, dolore neuropatico cronico e pazienti oncologici che assumono chemioterapie

Laura Amato, Silvia Minozzi, Zuzana Mitrova, Elena Parmelli, Rosella Saulle, Fabio Cruciani, Simona Vecchi, Marina Davoli

INTRODUZIONE: il termine “cannabis medica” si riferisce all’uso di cannabis o di cannabinoidi come terapia medica per curare alcune malattie o alleviarne i sintomi. Negli Stati Uniti, 23 Stati e il distretto di Washington DC (maggio 2015) hanno introdotto leggi che permettono l’uso di cannabis per...

Leggi tutto...

Estendere la tracciabilità dei tumori maligni del testicolo per mezzo delle schede di dimissione ospedaliera: un’esperienza in Veneto

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Mario Saugo, Giuseppe Mastrangelo, Gianstefano Blengio, Gianferruccio Righetto †

OBIETTIVI: validazione dei codici delle schede di dimissione ospedaliera (SDO) per l’identificazione dei nuovi casi di tumore maligno del testicolo nella regione Veneto.DISEGNO: studio di record-linkage anagrafico fra l’archivio regionale SDO del Veneto e l’archivio del Registro tumori del Veneto (...

Leggi tutto...

Confronto tra l’approccio di coorte e caso-controllo nella valutazione degli impatti sanitari in una popolazione esposta alle emissioni di un inceneritore

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Luigi Fonte, Rossella Murtas, Antonio Giampiero Russo

OBIETTIVI: confrontare gli approcci di coorte e caso-controllo per lo studio degli effetti sulla salute di un inceneritore.DISEGNO: sono stati individuati i soggetti esposti alle ricadute di inquinanti di un inceneritore mediante mappe di dispersione degli inquinanti. Alla popolazione interessata...

Leggi tutto...

Analisi dell’extramortalità nell’anno 2015 nella provincia di Palermo

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Filippo Pinzone, Rosanna Cusimano, Nicolò Casuccio, Adriana Mancuso, Angela Pitarresi

INTRODUZIONE: a livello nazionale, in Italia è stato registrato un aumento del numero di decessi nel 2015 rispetto agli anni precedenti, le cui cause sono in via di accertamento.OBIETTIVI: verificare se nell’anno 2015 vi sia stata nella provincia di Palermo una mortalità superiore a quella del...

Leggi tutto...

La valutazione dell’uso dell’indice di deprivazione socioeconomica a livello di area negli studi ecologici su ambiente e salute

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Fabrizio Minichilli, Michele Santoro, Fabrizio Bianchi, Nicola Caranci, Marco De Santis, Roberto Pasetto

INTRODUZIONE: nel sistema di sorveglianza SENTIERI, la valutazione del rischio sanitario nei siti di interesse nazionale per le bonifiche (SIN) è stata effettuata considerando l’indicatore di deprivazione socioeconomica (ID-SENTIERI) a livello comunale come confondente. Pasetto...

Leggi tutto...

Studio di mortalità in una coorte di esposti nella lavorazione a caldo di materie plastiche e gomma

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Alberto Gerosa, Corrado Scarnato, Bruno Marchesini, Evi Ietri, Venere Leda Mara Pavone

OBIETTIVI: studiare la mortalità tra i lavoratori delle aziende di produzione di articoli in plastica e in gomma con esclusione degli pneumatici. DISEGNO: studio di coorte. SETTING E PARTECIPANTI: lavoratori in produzione (4.543) fino al 2000 in 131 aziende della provincia di Bologna addetti alla...

Leggi tutto...

L’implementazione del DNA-HPV come test primario nei programmi italiani di screening del cervicocarcinoma. Risultati del Progetto MIDDIR

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Francesca Di Stefano, Paolo Giorgi Rossi, Francesca Maria Carozzi, Guglielmo Ronco, Laura Cacciani, Simona Vecchi, Carlo Naldoni, Nereo Segnan, Gruppo di lavoro MIDDIR-HPV test in primary screening

OBIETTIVI: ottenere dati sul funzionamento dei percorsi di riconversione al test HPV nei programmi di screening del cervicocarcinoma e armonizzare l’introduzione del test HPV primario nei protocolli per lo screening in Italia. DISEGNO: revisione sistematica della letteratura. Survey tramite...

Leggi tutto...

Efficacia dei controlli nei cantieri sulla riduzione degli infortuni: studio pilota di uno SPreSAL del Piemonte

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Walter Lazzarotto, Osvaldo Pasqualini, Elena Farina, Antonella Bena

Obiettivi: valutare l’impatto sugli infortuni degli interventi di vigilanza in aziende del comparto costruzioni effettuati dal Servizio di prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro (SPreSAL) di Novara. Disegno: il disegno dello studio è del tipo “trattato-non trattato”, dove nei “trattati” sono...

Leggi tutto...

Valutazione di un algoritmo per l’identificazione dei casi di celiachia a insorgenza pediatrica utilizzando fonti sanitarie correnti

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Gisella Pitter, Roberto Gnavi, Pierantonio Romor, Renzo Zanotti, Lorenzo Simonato, Cristina Canova

OBIETTIVI: valutare il ruolo di quattro fonti sanitarie correnti (anatomia patologica, AP; esenzioni ticket, ET; schede di dimissione ospedaliera, SDO; assistenza farmaceutica integrativa regionale, AFIR) nell’identificazione dei possibili casi di celiachia a insorgenza pediatrica. DISEGNO: studio...

Leggi tutto...

Indicatori come strumento di governo della medicina territoriale

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Antonio Giampiero Russo, Maria Teresa Greco

Obiettivi: sviluppare un sistema di indicatori per monitorare la qualità dell’assistenza sanitaria, in termini di sicurezza, efficacia e appropriatezza, al fine di permettere la promozione integrata della qualità assistenziale e dell’efficacia.Disegno: studio retrospettivo. Setting e partecipanti:...

Leggi tutto...

Editoriali

Salute, sanità pubblica, ricerca e partecipazione. Considerazioni dopo il “decreto vaccini”

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Andrea Micheli, Fabio Barbone, Annibale Biggeri, Riccardo Capocaccia, Marina Davoli, Roberta Pirastu, Lorenzo Richiardi, Giuseppe Traversa, Francesco Forastiere

Da oltre un quarto di secolo in Italia il tema della salute dei cittadini non entra nel dibattito politico; le eccezioni sono rare (la terapia Di Bella è una di queste), anche perché il sistema sanitario del Paese è sempre stato avvertito come una garanzia per tutti. La Riforma sanitaria del 1978 ha posto, infatti, le basi per un...

Leggi tutto...

Vaccini. Corretta comunicazione e libertà d’opinione

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Cesare Cislaghi

Solo qualche lustro fa, nessuno, e tanto meno i medici, avrebbe messo in seria discussione le “certezze” definite tali dalla medicina ufficiale; eppure molte di queste non hanno retto i tempi e sono risultate non appropriate, se non dannose. Oggi il cosiddetto principio di autorità non è più in voga e, anzi, si inizia addirittura a...

Leggi tutto...

La sesta Conferenza ministeriale su ambiente e salute: risultati e prospettive

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Marco Martuzzi

Il 13-15 giugno scorsi, 48 dei 53 Stati membri della regione europea dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno partecipato alla sesta Conferenza su ambiente e salute a Ostrava (Repubblica Ceca). Rappresentanti dei Ministeri della salute e dell’ambiente e, con loro, di numerose altre agenzie internazionali, organizzazioni...

Leggi tutto...

Inferenza causale in epidemiologia: un dibattito fecondo

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Lorenzo Richiardi, Daniela Zugna, Rino Bellocco, Costanza Pizzi

L’ultimo anno e mezzo è stato un periodo fervido per l’inferenza causale in epidemiologia. Sono stati pubblicati libri importanti, come quello di Pearl e collaboratori Causal inference in statistics e il libro su “Mediation e Interaction” scritto da VanderWeele. L’ultimo volume dell’International Journal of Epidemiology include diversi...

Leggi tutto...

Inquinamento ambientale: l’indagine epidemiologica è sempre utile, anche quando l'esposizione e le sue conseguenze sono ben note?

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Corrado Magnani

Quale contributo può dare la ricerca epidemiologica quando occorre affrontare un caso di inquinamento ambientale? In particolare, come può contribuire la ricerca epidemiologica quando l’indagine non riguarda la ricerca eziologica, degli effetti avversi non ancora sufficientemente conosciuti, causati da un potenziale fattore di...

Leggi tutto...

Zika emergenza di salute pubblica di rilevanza internazionale: 1 febbraio 2016-18 novembre 2016

Epidemiol Prev 2017; 41 (1)
Giuseppe Ippolito , Licia Bordi

«Zika PHEIC: 1 febbraio 2016-18 novembre 2016». Non è l’epigrafe di una lapide funeraria. È solo la sopravvivenza di Zika come emergenza di salute pubblica internazionale (PHEIC). Il virus Zika (ZIKV), isolato per la prima volta nei macachi (Rhesus) in Uganda nel 1947, aveva causato diversi eventi epidemici con manifestazioni cliniche...

Leggi tutto...

Non rimettiamo in discussione il principio di precauzione

Epidemiol Prev 2017; 41 (1)
Paolo Vineis

Da diverse fonti giungono attacchi al «principio di precauzione». Gli ultimi due esempi sono l’articolo di Marcello Lotti, già ordinario di medicina del lavoro dell’Università di Padova, pubblicato da Il Sole 24 Ore il 25 novembre 2016 («C’è un limite alla precauzione») e l’appello di 200 scienziati apparso sulla rivista Toxicology.

Leggi tutto...

Due nuovi direttori: per altri 40 anni di E&P

Epidemiol Prev 2016; 40 (6)
Andrea Micheli, Francesco Forastiere

Leggi tutto...

GISCi: più spazio e visibilità ai giovani ricercatori

Epidemiol Prev 2016; 40 (3-4)
Francesca Maria Carozzi, Paolo Giorgi Rossi, Marzia Matucci, Anna Iossa, Annarosa Del Mistro, Giovanni Maina, Ezio Venturino, Gian Luigi Taddei, Maria Donata Giaimo

In questo numero Epidemiologia&Prevenzione pubblica tre articoli redatti da giovani ricercatori aderenti al Gruppo italiano per lo screening del cervicocarcinoma (GISCi). In occasione dell’ultimo Convegno nazionale (Finalborgo, maggio 2015) era stato indetto un concorso tra gli abstract pervenuti: agli autori selezionati, che erano...

Leggi tutto...

Promozione della salute nei contesti urbani: l’approccio urban health

Epidemiol Prev 2016; 40 (3-4)
Rainer Fehr, Stefano Capolongo

  In a very brief definition, urban health denotes the application of the public health concept and methods to urban processes and situations. The urban health approach looks at urban populations, systems, and environment through what has been called the “health prism” or “health lens”. In other words, it focuses on health...

Leggi tutto...

Interventi

Temporali e attacchi d’asma durante le stagioni polliniche

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Maria D'Amato, Isabella Annesi-Maesano, Antonio Molino, Mauro Mormile, Carolina Vitale, Alessandro Vatrella, Alessandro Sanduzzi, Gennaro D'Amato

Si pensa comunemente che la pioggia abbatta i granuli pollinici e conseguentemente allevi i sintomi dei pazienti a essi allergici. Tuttavia, vi è evidenza che in condizioni meteorologiche...

Leggi tutto...

Environmental justice nel sistema di sorveglianza epidemiologica SENTIERI

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Roberto Pasetto, Nicolàs Zengarini, Nicola Caranci, Marco De Santis, Fabrizio Minichilli, Michele Santoro, Roberta Pirastu, Pietro Comba

Scarica il PDF Free full text

OBIETTIVI: effettuare una...

Leggi tutto...

Classificazione TNM dei tumori maligni – VIII edizione: quali novità?

Epidemiol Prev 2017; 41 (2)
Silvia Patriarca, Stefano Ferretti, Roberto Zanetti

La Union for International Cancer Control (UICC) ha pubblicato nel gennaio 2017 la VIII edizione della classificazione TNM dei tumori maligni. Come per le precedenti edizioni, a partire dalla...

Leggi tutto...

Interventi di popolazione per contrastare l’epidemia di prodotti insalubri

Epidemiol Prev 2017; 41 (1)
Giuseppe Gorini

Le multinazionali di tabacco, alcol, bibite e cibi confezionati (prodotti insalubri) hanno il ruolo di vettori nell’epidemia da malattie croniche, tanto da guadagnarsi un capitolo a parte nella...

Leggi tutto...

Stima dei decessi per tumori attribuibili a fattori di rischio comportamentali in Italia nel 2013

Epidemiol Prev 2017; 41 (1)
Francesca Battisti, Giulia Carreras, Tommaso Grassi, Elisabetta Chellini, Giuseppe Gorini

Le malattie cronico-degenerative causano oltre l’80% dei decessi in europa e, tra questi, i tumori ne determinano il 20%. i fattori di rischio legati agli stili di vita e compresi nel programma...

Leggi tutto...

Sulle spinte gentili del nudge: un quadro d’insieme. Più libertà o nuovo paternalismo?

Epidemiol Prev 2016; 40 (6)
Luca Leone

Alla luce dell’influenza che dagli anni Settanta la psicologia cognitiva e l’economia comportamentale hanno esercitato sullo studio del comportamento umano, mettendo in discussione il paradigma...

Leggi tutto...

I molti dubbi sul rapporto tra casi di microcefalia e infezione da virus Zika in Brasile

Epidemiol Prev 2016; 40 (6)
Roberto Ronchetti, Pietro Massimiliano Bianco

Nel corso degli ultimi anni, il virus Zika si è rapidamente diffuso in tutta l’America centro-meridionale e negli ultimi mesi si è esteso anche agli Stati meridionali degli Stati uniti. In...

Leggi tutto...

Rischio clinico da ingestione di fibre di amianto in acqua potabile

Epidemiol Prev 2016; 40 (6)
Agostino Di Ciaula, Valerio Gennaro

Il recente riscontro di amianto in campioni di acqua potabile in Toscana (sino a 700.000 fibre/litro) ha riaperto il dibattito sui rischi da ingestione di queste fibre. L’esposizione ad amianto è...

Leggi tutto...

La riforma costituzionale e i possibili riflessi sul Servizio sanitario nazionale e sulle attività di sanità pubblica

Antonello Zangrandi, Veronica Valenti, Simone Fanelli, Nicola Florindo, Samuel Paroni, Carlo Signorelli, Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Parma

Leggi tutto...

Strumenti e metodi

Definizione di un algoritmo basato sulle fonti informative sanitarie e sociosanitarie per classificare la popolazione generale in relazione allo stato di salute e alla condizione di fragilità sociosanitaria e disabilità

Epidemiol Prev 2017; 41 (3-4)
Laura Andreoni, Antonio Giampiero Russo

OBIETTIVI: descrivere una possibile modalità di classificazione della popolazione generale, stratificandola in gruppi omogenei di pazienti con livelli diversi di gravità e complessità di malattia e...

Leggi tutto...

Validazione di un algoritmo per l’identificazione di casi con malformazioni congenite nelle schede di dimissione ospedaliera

Epidemiol Prev 2016; 40 (2)
Gianni Astolfi, Paolo Ricci, Elisa Calzolari, Amanda Neville, Vanda Pironi, Michele Santoro, Fabrizio Bianchi

OBIETTIVI: valutare e validare l’uso di un algoritmo finalizzato a identificare, tramite le schede di dimissione ospedaliera (SDO), casi con malformazioni congenite (MC) alla nascita e/o segnalati in...

Leggi tutto...

Inverse probability weighting (IPW) e selezione al baseline in studi di coorte di natura eziologica

Epidemiol Prev 2015; 39 (1)
Lorenzo Richiardi, Costanza Pizzi

L’esempio di correzione del bias di selezione tramite Inverse probability weighting (IPW) descritto nell’articolo di Silvia Narduzzi e coll. recentemente pubblicato da E&P1 è di notevole...

Leggi tutto...

L’uso dell’Inverse probability weighting (IPW) nella valutazione e “correzione” del selection bias

Epidemiol Prev 2014; 38 (5)
Silvia Narduzzi, Martina Nicole Golini, Daniela Porta, Massimo Stafoggia, Francesco Forastiere

INTRODUZIONE: l’Inverse probability weighting (IPW) è una delle tecniche utilizzate per la correzione del selection bias e della missingness, fenomeni causati da una selezione non casuale delle...

Leggi tutto...

Indicazioni metodologiche per la valorizzazione economica della perdita di produttività e dell’informal care nella stima dei costi di malattia

Epidemiol Prev 2009; 33 (6)
Maria Michela Gianino, Michele Petrinco, Alberto Ferrando, Mario Galzerano, Dario Gregori, Eva Pagano

La stima dei costi di una patologia, dal punto di vista della società, include i costi derivanti dalla perdita di produzione dovuta all’assenza dal lavoro del soggetto malato e i costi dell’...

Leggi tutto...

Per standardizzare i dati senza fatica e in modo standard

Epidemiol Prev 2009; 33 (4-5)
Cesare Cislaghi

La standardizzazione dei tassi o di altri indici è ormai un’operazione comune che non comporta reali difficoltà di calcolo con qualsiasi alternativa metodologica si voglia realizzare.1 Esistono...

Leggi tutto...

Modelli matematici della trasmissione delle infezioni

Epidemiol Prev 2010; 34 (1-2)
Iacopo Baussano, Selene Bianco, Fulvio Lazzarato

Lo studio della distribuzione, dei determinanti e della trasmissionedelle malattie infettive si basa in gran parte sullo sviluppodi modelli matematici di natura ecologica che consentonodi catturare...

Leggi tutto...