Epidemiologia&Prevenzione 2015, 39 (3) maggio-giugno

AIRTUM e SIE insieme per una definizione condivisa dei tumori emolinfopoietici

Antonina Torrisi, Marine Castaing, Adriano Giacomin, Stefano Luminari, Lucia Mangone, AIRTUM Working Group

I tumori emolinfopoietici rappresentano circa il 7,5%di tutte le nuove diagnosi di tumore in Italia, occupando complessivamente il 5° posto nei maschi (dopo prostata, polmone, colon retto e vescica) e il 3° posto nelle femmine (dopo mammella e colon retto).1

Classicamente sono suddivisi in linfomi (tumori dei linfociti),mielomi (tumori delle plasmacellule) e leucemie (generalmente intese come malattie del midollo osseo). I linfomi sono ulteriormente suddivisi in linfomi non Hodgkin e linfomi di Hodgkin, mentre le leucemie comprendono forme acute (mieloidi e linfatiche) e form…Continua su epiprev.it

epiprev.it Epidemiologia & Prevenzione
0