pubblicazione
Epidemiol Prev 2016; 40 (3-4), maggio-agosto

Epidemiologia&Prevenzione cover

Il 12 maggio è morto Luigi Mara, un protagonista di primo piano delle lotte in difesa della salute dei lavoratori a partire dagli anni Settanta, con il suo lavoro nel consiglio di fabbrica della Montedison di Castellanza (Varese) poi sfociato nella fondazione, insieme a GA. Maccacaro, di Medicina Democratica – Movimento di lotta per la salute. In questo numero potete leggere un suo ricordo a firma di Piergiorgio Duca, attuale segretario di Medicina Democratica.

A proposito di lotte per la verità scientifica, la trasparenza e la tutela della salute – non solo dei lavoratori – la questione dell’amianto ha sempre fornito il terreno per grandi battaglie.

Uno degli ultimi esempi...

Il 12 maggio è morto Luigi Mara, un protagonista di primo piano delle lotte in difesa della salute dei lavoratori a partire dagli anni Settanta, con il suo lavoro nel consiglio di fabbrica della Montedison di Castellanza (Varese) poi sfociato nella fondazione, insieme a GA. Maccacaro, di Medicina Democratica – Movimento di lotta per la salute. In questo numero potete leggere un suo ricordo a firma di Piergiorgio Duca, attuale segretario di Medicina Democratica.

A proposito di lotte per la verità scientifica, la trasparenza e la tutela della salute – non solo dei lavoratori – la questione dell’amianto ha sempre fornito il terreno per grandi battaglie.

Uno degli ultimi esempi è la vicenda, di cui si è parlato nello scorso numero di E&P, legata alla pubblicazione sulla rivista Epidemiology, Biostatistics and Public Health di un articolo contenente informazioni distorte (in merito alle prove di una supposta assenza di cancerogenicità del crisotilo, una varietà di amianto), alla mancata dichiarazione dei conflitti di interesse (tutti gli autori sono chiaramente legati all’industria dell’amianto) e alla scarsa propensione della rivista a pubblicare errata corrige esaustivi. Ma la storia non finisce qui. Dopo l’articolo citato, la medesima rivista ha pubblicato un altro lavoro in cui gli autori (tre dei quali avevano firmato anche l’articolo precedente) questa volta mettono in dubbio il potere cancerogeno della crocidolite, il tipo di amianto più pericoloso. Come a dire, il lupo perde il pelo ma non il vizio, e non lo perderà mai se nessuno lo smaschererà. Per questo è prezioso il ruolo di sentinelle esercitato da scienziati che, in tutto il mondo, vigilano su ciò che si pubblica in materia di amianto. Nel suo intervento, Dario Mirabelli aggiorna su una storia che pare senza fine.

Sempre in tema di amianto, il lavoro di Ferrante et al. fornisce la serie storica dei decessi per mesotelioma nel corso di 40 anni, uno strumento prezioso per valutare l’evoluzione della mortalità per questo tipo di tumore.

In Italia c’è un gran bisogno che i lavori prodotti da giovani ricercatori vengano fatti conoscere all’intera comunità scientifica. Perciò, E&P ha accolto con piacere la proposta del GISCi (Gruppo italiano per lo screening del cervicocarcinoma) di pubblicare tre lavori prodotti da giovani ricercatori. Si tratta dei vincitori del concorso indetto in occasione del Congresso GISCi 2015, che ha selezionato le tre comunicazioni presentate da giovani under 40 più meritevoli di essere sviluppate in un articolo scientifico. I lavori affrontano temi di grande interesse per i programmi di screening cervicale, tra cui importanti novità in merito all’utilizzo dell’HPV come test primario.

Infine, si segnala la pubblicazione di una serie di interventi dedicati a un tema, la salute urbana (urban health), nuovo per E&P, ma di sempre maggiore appeal.

Con questo numero E&P si congeda dai propri lettori per il periodo estivo. Ritornerà in settembre. Buone vacanze e buona lettura!

Indice

Editoriali


Attualità


Articoli Scientifici


Interventi


Rubriche