Epidemiologia&Prevenzione 2020, 44 (1) gennaio-febbraio

A proposito dell’amianto e del Position Paper della Società italiana di medicina del lavoro sull’amianto

Pietro Gino Barbieri, Roberto Calisti, Stefano Silvestri, Claudio Calabresi, Dario Consonni, Alessia Angelini, Francesco Carnevale, Fulvio Cavariani, Orietta Sala

Il Position Paper dedicato all’amianto (PPA) realizzato della Società italiana di medicina del lavoro (SIML) è rivolto principalmente al medico competente (MC) per fornire un orientamento su alcuni temi che sono ritenuti di rilevante interesse: l’attualità dell’esposizione ad asbesto e la valutazione del rischio correlato; la diagnosi delle patologie asbesto-correlate; la forma delle funzioni del rischio, in particolare per i mesoteliomi; il nesso causale tra esposizione e malattia; la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti attualmente e in passato. La letteratura scientifica non dà riscontro all’idea che oggi in Italia la frequenza di mesoteliomi pleurici dovuti a esposizioni ambientali ad amianto da fonti outdoor costituisca davvero una questione rilevante. Nel PPA SIML il capitolo riguardante l’igiene industriale e i monitoraggi ambientali presenta inesattezze e carenze, risultando di scarsa utilità per il MC che dovrebbe essere sollecitato semmai a esercitare un ruolo maggiormente attivo per la prevenzione. Il tema della diagnosi delle patologie asbesto-correlate si sviluppa con ingiustificata enfasi sulla diagnosi differenziale istologica dell’asbestosi e, soprattutto, del mesotelioma pleurico; aspetti nosografici che ben difficilmente giungono all'attenzione del MC. Analoga enfasi viene posta alla forma della funzione del rischio nel mesotelioma pleurico, tema che non compare nella pratica corrente del MC, come di altri medici del lavoro. Non trova riscontro in letteratura poi l’idea che oggi in Italia sia consistente la frequenza di mesoteliomi pleurici dovuti ad esposizioni ambientali ad amianto da fonti outdoor.
In conclusione, accanto a temi di indubbio interesse per il MC, il PPA SIML si espande nella trattazione di alcuni argomenti che rappresentano gli elementi cruciali dell’attuale contrasto tra consulenti e periti in processi in tema di responsabilità penale e civile: argomenti di rilevanza medico-legale, ma lontani dalla “attualità applicativa” per il MC richiamata nel PPA SIML. Maggiore trasparenza, infine, avrebbe dovuto essere posta, all’interno del PPA SIML, nella dichiarazione del conflitto di interessi di alcuni Autori, segnalando la propria attività di consulenza di parte svolta per aziende portate a giudizio.


epiprev.it Epidemiologia & Prevenzione
0