Epidemiologia&Prevenzione 2016, 40 (1) gennaio-febbraio Suppl. 1

Screening per il tumore polmonare in soggetti ad alto rischio: diagnosi precoce con TC spirale associata a stratificazione del rischio con miRNA circolanti

Stefano Sestini, Mattia Boeri, Alfonso Marchianò, Mario Silva, Giuseppina Calareso, Carlotta Galeone, Gabriella Sozzi, Ugo Pastorino

Il tumore del polmone rimane a tutt’oggi una patologia con un elevato tasso di mortalità a fronte degli sviluppi delle metodiche diagnostiche e terapeutiche avvenute negli ultimi vent’anni. L’analisi delle esperienze provenienti dai primi studi di screening – in cui veniva utilizzata la radiografia del torace (RX torace) associata o meno all’esame citologico su espettorato – non ha permesso di rilevare la riduzione dellamortalità specifica per tumore polmonare. I successivi studi di screening che hanno introdotto l’utilizzo dellaTC del torace a bassa dose (LDCT) hanno permesso di rilevare un elevato numero di tumori polmonari in stadio iniziale, quindi potenzialmente curabili; ciò, tuttavia, non ha permesso di dimostrare una diminuzione dellamortalità per tumore polmonare. Con i risultati dello studio statunitense National Lung ScreeningTrial (NLST) pubblicati nel 2011 è stata evidenziata per la prima volta una riduzione dimortalità specifica per tumore del polmone del 20%grazie all’utilizzo della LDCT in confronto alla RX torace. È stata anche descritta una percentuale di falsi positivi del 96,4%, con una sovradiagnosi che può arrivare fino al 78,9% per i tumori polmonari bronchioloaveolari. In considerazione dell’elevata sensibilità della LDCT, capace di identificare un nodulo polmonare non calcifico in un soggetto su due, emerge la necessità di avvalersi di strumenti per poter identificare conmaggiore accuratezza i noduli sospetti. Fino a qualche tempo fa, l’eventuale utilizzo dei marcatori tumorali polmonari non era percorribile, in considerazione della scarsa specificità dell’organo. Lo studio e lo sviluppo si è, quindi, spinto verso marcatori specifici per organo e tessuti, come i microRNA (miRNA), sequenze di RNA non codificante,ma coinvolto inmolti processi oncogenici ed espressione di un’attività del microambiente. L’utilizzo di biomarcatori come i miRNA circolanti implementati in uno screening LDCT ha messo in luce una riduzione di 5 volte la percentuale di falsi positivi, che passa da 19,4%a 3,7%, con una sensibilità dell’87%, una specificità dell’81% e un valore predittivo negativo del 99%. La necessità di utilizzare le risorse a disposizione in maniera adeguata e commisurata alla malattia che si vuole curare spingerà sempre più l’implementazione di screening LDCT con biomarcatori, stabili e facilmente riproducibili, come i miRNA circolanti, ottimizzando i rapporti costi-beneficio e ovviando a problematiche quali i falsi positivi, procedure invasive inutili, chirurgia per lesioni benigne. Lo sviluppo di biomarcatori specifici sembra offrire nuovi promettenti prospettive.

epiprev.it Epidemiologia & Prevenzione
0