Epidemiologia&Prevenzione 2015, 39 (5-6) settembre-dicembre

Gli interventi per la promozione di un’alimentazione corretta in Italia

Fabrizio Faggiano, Roberta Molinar, Alessandro Coppo

OBIETTIVI: descrivere l’offerta di interventi di promozione della dieta corretta da parte dei servizi sanitari regionali.
MATERIALI E METODI: analisi della base dati ProSA, che contiene gli interventi di prevenzione condotti da alcune regioni italiane, su base volontaria. E’ stato applicato il filtro «alimentazione – attività fisica», e sono stati inclusi solo i programmi che avevano come obiettivo la promozione della dieta corretta in popolazioni non selezionate. I programmi sono stati, quindi, analizzati e descritti.
RISULTATI: in totale sono stati inclusi 87 programmi, di cui 23 certamente condotti durante il 2013-14. Nel 91% dei casi, il setting è la scuola, in particolare secondaria di primo livello, e nel 37% dei casi si tratta di lezioni frontali. Nessun programma ha fatto riferimento a prove di efficacia specifiche, mentre l’11%ha citato documenti scientifici generici, seppure pertinenti. Il 15%dei programmi ha descritto la modalità di valutazione del programma, ma solo l’1%ha proposto un disegno di studio con controlli. Limitando l’analisi alla regione che ha la maggiore quantità di programmi registrati, si può stimare che la popolazione raggiunta dai programmi non sia superiore allo 0,03% raggiungendo coperture fino al 4% solo nel popolazione scolastica.
CONCLUSIONI: in Italia, non esiste una rilevazione sistematica degli interventi preventivi condotti dalle aziende sanitarie. L’analisi di ProSA, un sistema sperimentale, permette di evidenziare che la promozione di una dieta corretta è basata su interventi mirati solo alla popolazione scolastica che fanno riferimento a prove scientifiche in modo molto limitato. Inoltre, complessivamente sembrano coprire una fetta piccolissima della popolazione target.

epiprev.it Epidemiologia & Prevenzione
0