rubrica
Epidemiol Prev 2011; 35 (4 EPdiMezzo): 7-7

Riusciranno i medici competenti a sopravvivere alla sorveglianza sanitaria?

  • Benedetto  Terracini1

  1. Past director E&P

Riassunto:

Ben venga questo libro di Giovanni Pianosi, il cui la scritta provocatoria in copertina riflette soltanto una parte del colto contenuto, ricco di riferimenti sanitari e letterari, – tutti pertinenti – che spaziano da Lewis Carrol (il più citato) a Voltaire, da Dante a Calvino.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)


COPERTINA

La sorveglianza sanitaria di chi è stato esposto a fattori nocivi nell’ambiente di lavoro piace ai ricercatori italiani. Se si entra in Medline con la parola chiave “health surveillance” associata a “silicosis”, o “asbestos” o “workplace”, a partire dal 2000, le citazioni di ricercatori italiani rispetto al totale delle citazioni provenienti dai cinque continenti sono rispettivamente 3/7, 20/31 e 38/94. Ben più di qualsiasi atteso sulla base della ipotesi nulla. Pianosi stesso fa notare l’inconsuetamente florida produzione di pagine in tema da parte della Società italiana di medicina del lavoro e igiene industriale (e il loro costo). I motivi di questa affezione dei ricercatori italiani sono epigenetici piuttosto che genetici, dal momento che le corrispondenti proporzioni, prima del 2000, erano piu basse.

Il troppo stroppia: ben venga quindi questo libro di Giovanni Pianosi, il cui provocatorio frontespizio riflette soltanto una parte del colto contenuto, ricco di riferimenti sanitari e letterari, – tutti pertinenti – che spaziano da Lewis Carrol (il più citato) a Voltaire, da Dante a Calvino.

Il libretto, che Pianosi definisce “esercitazione”, dedicato alla memoria di Giorgio Ferigo, consta di sei capitoli di “ricognizione”(non tanto pars destruens quanto serena perlustrazione dei pericoli da overdose di sorveglianza sanitaria) e di quattro capitoli di ricostruzione (oltre a un lapidario postscriptum, che effettivamente si recepisce meglio dopo avere letto tutto il resto.

Pianosi ricorda che la filosofia della sorveglianza sanitaria non differisce da quella degli screening, alle cui regole essa è soggetta (compresa quella di essere di provata efficacia e di non essere maleficente). Quanto poi essa venga intesa in tal senso dalle autorità competenti (e dai medici competenti, e dai lavoratori esposti a nocività) è discutibile. Sicuramente manca in Italia un approccio univoco e razionale: basta vedere come le proposte regionali per la sorveglianza sanitaria agli ex-esposti ad amianto spaziano da iniziative ultratecnologiche a un richiamo al ruolo dei medici di base nella prevenzione delle malattie, sancito dalla riforma sanitaria del 1978.

Nonostante le apparenze, il contenuto di questo libretto è maledettamente serio. Ai laureati in medicina che si occupano di salute sul luogo di lavoro viene insegnato che essi potranno svolgere un ruolo culturalmente dignitoso quando impareranno a capire che anche i lavoratori (sani, o almeno asintomatici, per definizione) oggetto della loro sorveglianza hanno una vita extralavorativa, rapporti sociali e familiari, e sono suscettibili a patologie non lavorative. I medici competenti attuali o futuri difficilmente troveranno altrove le raccomandazioni emesse e trasmesse da Pianosi. Alle autorità sanitarie, questo testo consente di imparare in modo discorsivo e semplice alcuni principi fondamentali della salute pubblica. La lettura è infine consigliabile ai lavoratori: serve certamente tanto per dare un contenuto alle richieste di sorveglianza sanitaria, al di fuori di qualsiasi liturgia.

Commenti

ASL Brescia

Bene fa Painosi a prendere il toro per le corna.
La sorvaglianza sanitaria è ora sempre più utilizzata per selezionare la "forza lavoro" creando lavoratori inidonei anche quando non lo sono (necessariamente).
Le ricadute medico legali della sorveglianza sanitaria (i giudizi di in-idoneità) sono spesso espressi o utlizzati a prescindere dalla valutazione dei rischi per cui il "Medico Competente", surrettiziamente, viene a ricoprire una funzione che è del Servizio Pubblico (art. 5 legge 300/70= statuto dei lavoratori).
Se l'attenzione è più rivolta giustificare il rischio che a a ridurlo, e se si considera che il lavoro è oggi estremamente variabile, discontinuo, precario e frammentato, hanno spazio pratiche sanitarie burocratiche e discutibili sul piano etico, spesso inutili (remunerative per chi le fa) e, quando va male, dannose per i lavoratori.

Ausl di Bologna- UO Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro

Accolgo molto favorevolmente la notizia del libro di Pianosi: c'è veramente bisogno di mantenere viva la discussione sul tema della qualità ed efficacia della sorveglianza sanitaria in medicina occupazionale!!
Leggerò il libro appena possibile!

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.