rubrica
Epidemiol Prev 2012; 36 (6): 369-370

La chiesa dell’autostrada: i costruttori e l’architetto

  • Franco Carnevale

  1. Medico del lavoro, Firenze
Redazione E&P -

  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)


Per costruire i 753 chilometri dell’Autostrada del Sole, simbolo dei 100 anni dell’Unità d’Italia, i costi in termini di vite umane degli operai furono alti. La Società Autostrade decise di dedicare agli operai caduti la cosiddetta «chiesa dell’autostrada», consacrata a San Giovanni Battista e costruita alle porte di Firenze.

Il lavoro fu commissionato all’architetto Giovanni Michelucci nel settembre 1960 e si inserisce nel nuovo clima culturale che riflette sulla radicale modifica nello stile di vita dell’uomo «moderno», soffermandosi sul cambiamento nella visione del rapporto uomo-viaggio. L’obiettivo di Michelucci era di «dare una risposta al nuovo nomadismo dell’uomo che cerca la pace». Nonostante l’opera divida l’opinione pubblica, nessuno esprime dubbi sulla ripercussione positiva che ha il modo di lavorare dell’architetto: per tutta la durata dei lavori, egli stabilisce un rapporto umano con i propri collaboratori e gli operai...

Scarica l'intero articolo

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.