rubrica
Epidemiol Prev 2015; 39 (3): 211-211

Léonard Defrance e la salute dei lavoratori nell'arte settecentesca

Léonard Defrance and occupational health in 18th century art

  • Franco Carnevale1

  1. Medico del lavoro, Firenze
Franco Carnevale -

  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)


Scarica la versione integrale del saggio.
Guarda la galleria di immagini.

Ancor prima di diventare capofila dell’hygénisme industriel nel periodo successivo alla Restaurazione, la Francia aveva rivolto la propria attenzione alla salute dei lavoratori delle cosiddette arti insalubri. Dal 1782, l’Académie des Sciences bandisce premi per studi volti alla prevenzione delle malattie che conseguono allo svolgimento di lavori legati a tali arti.

E’ in questo quadro storico che il pittore belga Léonard Defrance, vincitore del premio del 1789 dedicato ai preparatori di pigmenti, dimostra che non possiede soltanto spiccate doti artistiche, ma anche una grande sensibilità nei confronti dei lavoratori ai quali è legato per motivi professionali. La trattazione, dal titolo Les broyeurs de couleurs, leur métier et leurs maladies, si suddivide in due parti: la prima, contenente una dissertazione sui colori, illustra i procedimenti, le materie prime impiegate e le attrezzature necessarie; la seconda vuolemettere in luce i rischi dei preparatori di colori e proporre misure preventive.

Defrance si basa su conoscenze tossicologiche relative ai metalli, in particolare ai preparati del piombo, e sulla propria esperienza di prima mano. Fonde, infatti, le conoscenze di diverse branche del sapere e frequenta varie botteghe per osservare di persona gli ambienti e rendersi conto della situazione lavorativa degli operai.

Insiste con forza sull’uso delle principali norme igieniche e si scaglia contro quei datori di lavoro poco usi a considerare l’importanza della salute dei propri dipendenti. Inoltre, sostiene che la prevenzione delle malattie legate al lavoro debba essere regolamentata tramite leggi ben precise.

Grande è la delicatezza di quest’uomo che si preoccupa di chi facilita il suo lavoro di artista, senza risultare compassionevole, anzi, si muove attivamente e fa proposte mirate che – spera – possano essere prese in considerazione.

Defrance opera alle soglie della Rivoluzione francese, alla quale partecipa egli stesso con grande passione, ma le questioni che pone risultano alquanto attuali, così come la richiesta di attenzione alla salute occupazionale.

 

Leggi il saggio completo e guarda qui sotto la photogallery con le opere selezionate da Franco Carnevale
(cliccate su una immagine per scorrere tutta la galleria).

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.