rubrica
Epidemiol Prev 2015; 39 (1): 65-65

Chi svolge attività manuali adotta più spesso comportamenti a rischio

Manual workers are more likely to adopt unhealthy habits

  • Giuliano Carrozzi1

  • Letizia Sampaolo1,2

  • Lara Bolognesi1

  • Federica Balestra1

  • Nicoletta Bertozzi3

  • Laura Sardonini3

  • Gianluigi Ferrante4

  • Maria Masocco4

  • Gruppo Tecnico Passi5

  1. Dipartimento di sanità pubblica,AUSL Modena
  2. Università Ca’ Foscari, Venezia
  3. Dipartimento di sanità pubblica,AUSL Romagna
  4. Centro nazionale per epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (CNESPS), Istituto superiore di sanità, Roma
  5. www.epicentro.iss.it/passi
Redazione E&P -

  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)


Immagine Numeri come notizieLogo PASSI

Il piano nazionale della prevenzione 2014-2018, in accordo con il WHO-Europe Action Plan NCD 2016-2020, inserisce l’ambiente di lavoro tra i setting in cui bisogna agire in modo più efficace e incisivo per ridurre il carico prevenibile di malattie non trasmissibili. I luoghi di lavoro rappresentano, infatti, un contesto privilegiato per la promozione di stili di vita salutari, poiché consentono di raggiungere un gran numero di persone adulte nell’ambiente in cui trascorrono buona parte della giornata.

Di conseguenza, gli interventi negli ambienti di lavoro rappresentano una sfida con cui dovranno confrontarsi necessariamente i Piani regionali per la prevenzione 2014-2018.

Anche il D.Lgs. 81/08, il cosiddetto Testo unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, valorizza un sistema di promozione della salute e sicurezza dei lavoratori con la collaborazione dei soggetti istituzionali e delle parti sociali.

I dati della sorveglianza PASSI mostrano che, tra i lavoratori, la prevalenza dei principali fattori di rischio comportamentali (fumo di sigaretta, consumo di alcol a maggior rischio, obesità, sedentarietà) è differente per settore e tipologia di mansione svolta.

I dati relativi alla mansione e al settore sono disponibili per il periodo 2010-2013 per le 17 su 21 Regioni/Province autonome che hanno aderito al modulo opzionale sulla sicurezza sul lavoro (Piemonte, Valle d’Aosta, ASL lombarde, PA di Trento, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna), per un totale di oltre 59.300 interviste. Dal 2014 queste informazioni vengono rilevate per tutte le Regioni italiane.

Dai dati PASSI emerge che i lavoratori che svolgono un’attività prevalentemente manuale sono in generale i più svantaggiati in termini di fattori di rischio comportamentali: fra loro è più frequente la quota di fumatori, di consumatori di alcol a maggior rischio e di persone in sovrappeso e/o obese rispetto a quanto si osserva fra gli occupati che svolgono attività di tipo impiegatizio, esecutivo o dirigenziale (figura 1).

Le analisi dettagliate per settore e mansione mettono in evidenza che l’abitudine tabagica è maggiore tra le persone impiegate nell’edilizia (42%), nei trasporti (37%) e nell’industria metalmeccanica (36%).

La percentuale di persone che consumano alcol in modo potenzialmente rischioso per la salute è maggiore tra i lavoratori dell’edilizia (24%) e della metalmeccanica (22%).

La sedentarietà è più frequente tra i commercianti (37%), i conducenti (34%) e i collaboratori domestici (32%). La percentuale di persone in eccesso ponderale è più elevata tra i conducenti (61%) e le forze dell’ordine e i militari (56%) (figure 2-5).

In conclusione, il sistema di sorveglianza PASSI, fornendo informazioni sufficientemente specifiche sui fattori di rischio comportamentali dei lavoratori, può essere un importante strumento di advocacy, favorendo la condivisione tra i vari stakeholder (organizzazioni datoriali, imprenditori, sindacati, pianificatori della sanità regionale e aziendale) della necessità di messa in campo di specifici programmi e azioni integrate di promozione alla salute. PASSI rappresenta, inoltre, uno strumento utile alla progettazione e alla valutazione nel medio-lungo periodo.

 

Figura 1. Prevalenza dei principali fattori di rischio comportamentali nella popolazione degli occupati, per tipo di attività svolta. Regioni partecipanti al modulo di sicurezza sul lavoro, 2010-2013. (Fonte: Sorveglianza PASSI).


Prevalenza dei principali fattori di rischio

 

Figura 2. Prevalenza di fumo di sigaretta nella popolazione degli occupati, per settore di attività e mansione svolta. Regioni partecipanti al modulo sicurezza sul lavoro, 2010-2013. (Fonte: Sorveglianza PASSI).

Fumo per settore di attività Fumo per mansione svolta

Figura 3. Prevalenza di consumo di alcol a maggior rischio nella popolazione degli occupati, per settore di attività e mansione svolta. Regioni partecipanti al modulo sicurezza sul lavoro, 2010-2013. (Fonte: Sorveglianza PASSI).

Alcol per settore di attività Alcol per mansione svolta

Figura 4. Prevalenza di sedentarietà nella popolazione degli occupati, per settore di attività e mansione svolta. Regioni partecipanti al modulo sicurezza sul lavoro, 2010-2013. (Fonte: Sorveglianza PASSI).

Sedentarietà per settore di attività Sedentarietà per mansione svolta

Figura 5. Prevalenza di eccesso ponderale nella popolazione degli occupati, per settore di attività e mansione svolta. Regioni partecipanti al modulo sicurezza sul lavoro, 2010-2013. (Fonte: Sorveglianza PASSI).

Eccesso ponderale per settore di attività

Eccesso ponderale per mansione svolta

Per approfondimenti

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.