pubblicazione
Epidemiol Prev 2016; 40 (1), gennaio-febbraio

Epidemiologia&Prevenzione cover

L’ultimo scorcio del 2015 è stato caratterizzato dall’acceso dibattito intorno all’aumento dei decessi registrati nei primi 8 mesi dell’anno dall’Istat. E&P affronta l’argomento pubblicando due articoli e un editoriale. Utilizzando i dati raccolti dal Sistema di sorveglianza della mortalità giornaliera (SiSMG) attivo in 32 città, Michelozzi et al. conducono un’analisi della mortalità e delle variazioni stagionali confrontandole con quelle degli anni precedenti, corredandola con un’analisi più specifica della mortalità per classi, genere e causa nella città di Roma. Stafoggia et al. invece studiano gli effetti dell’inquinamento, particolarmente elevato nel dicembre...

L’ultimo scorcio del 2015 è stato caratterizzato dall’acceso dibattito intorno all’aumento dei decessi registrati nei primi 8 mesi dell’anno dall’Istat. E&P affronta l’argomento pubblicando due articoli e un editoriale. Utilizzando i dati raccolti dal Sistema di sorveglianza della mortalità giornaliera (SiSMG) attivo in 32 città, Michelozzi et al. conducono un’analisi della mortalità e delle variazioni stagionali confrontandole con quelle degli anni precedenti, corredandola con un’analisi più specifica della mortalità per classi, genere e causa nella città di Roma. Stafoggia et al. invece studiano gli effetti dell’inquinamento, particolarmente elevato nel dicembre 2015, sulla salute dei romani. Nel loro editoriale, Cislaghi, Costa e Rosano aggiungono un tassello al puzzle di cause che sta alla base dell’eccesso di morti mostrando che il fenomeno può essere spiegato in parte anche da un effetto demografico riconducibile alla Prima guerra mondiale; denunciano, inoltre, il «pressoché totale silenzio dei sistemi di monitoraggio sanitario» e auspicano, infine, ulteriori approfondimenti sulle cause dei decessi, in modo che si possano attivare gli strumenti atti a prevenire gli eventi evitabili. Dando un senso alla «&» che, nel nome della nostra testata, unisce l’Epidemologia alla Prevenzione.

Nella sezione EpiChange si dimostra che con un semplice foglio di carta da cucina si può avviare una ricerca con tutti i crismi. Grazie ai campioni raccolti da davanzali e terrazze dai cittadini armati di scottex, gli epidemiologi dell’impresa sociale per l’epidemiologia e la prevenzione “G.A. Maccacaro” hanno potuto analizzare le polveri inquinanti disperse nell’area in seguito all’incendio alla Raffineria di Milazzo del settembre 2014, rilevando un’alta percentuale dei pericolosi idrocarburi policiclici aromatici (IPA).

Con questo numero E&P offre ai lettori anche due importanti supplementi.

I tumori rari sono l’argomento del Rapporto AIRTUM 2015: per la prima volta in Italia vengono fornite statistiche complete su questa categoria di tumori. «Un’esperienza innovativa anche nel quadro internazionale» rimarca Andrea Micheli nell’editoriale di accompagnamento, sottolineando che, ora che i dati sono disponibili, i decisori non hanno più alcun alibi per giustificare i tentennamenti della politica.

L’altro supplemento raccoglie gli Atti del convegno nazionale promosso dalla Fondazione vittime dell’amianto Bepi Ferro che fa il punto sulla sorveglianza sanitaria degli ex-esposti all’amianto e sui fondi per il sostegno delle vittime.

Buona lettura!

Indice

Lettere


Editoriali


Attualità


Articoli Scientifici


Rubriche