intervento

La tabacchicoltura nel Salento dal 1929 al 1993: possibili implicazioni sanitarie

Tobacco cultivation in Salento (Apulia Region, Southern Italy) from 1929 to 1993: possible health implications

  • Maria Rosa Montinari1

  • Pierluca Minelli2

  • Emilio Antonio Luca Gianicolo3,4

  1. Dipartimento di scienze e tecnologie biologiche e ambientali, Università del Salento, Lecce
  2. Facoltà di medicina e chirurgia “A. Gemelli”, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma
  3. Istituto di fisiologia clinica, Consiglio nazionale delle ricerche, Lecce
  4. Institut für Medizinische Biometrie, Epidemiologie und Informatik (IMBEI), Universitätsmedizin Mainz (Germania)
Maria Rosa Montinari -

Riassunto:

La provincia di Lecce è una delle zone a più alta prevalenza di patologie e tumori dell’apparato respiratorio. Viene qui presentata una ricostruzione storica dello sviluppo della tabacchicoltura nel Salento, effettuata tramite un’analisi descrittiva delle serie storiche di indicatori di coltura del tabacco, per fornire un ulteriore elemento di conoscenza sui potenziali fattori di rischio per le patologie e i tumori respiratori. I dati relativi a estensioni in ettari e produzioni della coltura nella provincia di Lecce, in Puglia e in Italia sono stati forniti dalla Camera di commercio di Lecce e dall’Istat.
Dal 1929 al 1993, la provincia di Lecce ha fornito tra il 75% e il 94% del tabacco coltivato in Puglia e fino al 1945 il 25% del tabacco nazionale. Dalla fine degli anni Sessanta, si è osservato un crescente aumento del rendimento unitario che nel 1991 raggiungeva i 21,5 quintali per ettaro nel Salento.
Questa importante produzione di tabacco, associata in letteratura a un uso intensivo di pesticidi, potrebbe rappresentare un elemento da considerare in studi analitici quale potenziale determinante dell’elevata prevalenza di malattie respiratorie e di tumori polmonari nella popolazione maschile della provincia di Lecce.

Parole chiave: tabacchicoltura, provincia di Lecce, Puglia, Italia, pesticidi, salute umana

Abstract:

The Province of Lecce (Apulia Region, Southern Italy) is one of the Italian areas where the prevalence of respiratory disease and cancer of the respitartory tract is very high. Through a descriptive analysis of the historical series of tobacco culture indicators, a historical reconstruction of the development of tobacco cultivation in Salento (the area where the Province of Lecce is located) is here presented, in order to provide an additional element of knowledge on potential risk factors for respiratory diseases and cancers. Data regarding extensions in hectares and crop productions in the province of Lecce, in Apulia, and in Italy are from the Chamber of commerce of Lecce province and from the Italian National Institute of Statistics (Istat).
From 1929 to 1993, the province of Lecce provided between 75% and 94% of the tobacco cultivated in Apulia Region and 25% of the national tobacco until 1945. Since the late Sixties, a growing increase in annual average production was observed, reaching 21.5 quintals per hectare in 1991 in Salento.
This large tobacco production, associated with intensive use of pesticides, could be an element to be observed in analytical studies as a determining potential for the high prevalence of respiratory diseases and pulmonary cancers in the male population of the province of Lecce.

Keywords: tobacco cultivation, province of Lecce, Apulia, Italy, pesticides, human health


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.