intervento
Epidemiol Prev 2010; 34 (5-6): 68-71

Interazioni geni-ambiente, studi genome-wide e epigenetica: le nuove sfide

Gene-environment interactions, genome-wide studies, epigenetics: the new challenges

  • Paolo Vineis1

  • Andrea Baccarelli2

  1. Imperial College London and HuGeF Foundation, Torino, Italy
  2. Center of Molecular and Genetic Epidemiology, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Policlinico Università degli studi di Milano and Department of Environmental Health, Harvard School of Public Health
Paolo Vineis -

Riassunto:

Negli ultimi venti anni l’epidemiologia ha compiuto un grande sforzo per integrare strumenti e concetti della genetica. Per almeno dieci anni le aspettative erano che le interazioni geniambiente potessero rappresentare un settore della ricerca molto fruttuoso, in particolare nel campo dei tumori. Lo scopo principale era quello di identificare dei sottogruppi a rischio per rinforzare la plausibilità biologica delle associazioni e aumentare la potenza statistica. In realtà però non sono emersi dalla ricerca molti esempi di interazioni geniambiente: due esempi di tali interazioni per l’identificazione delle quali la ricerca italiana ha contribuito sono NAT2 e tumori della vescica1 e ALDH2 e tumori delle alte vie aeree.2


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)