I commenti più recenti

Anita Cappello (non verificato)
25/11/2018 - 1:22pm
E&P Impact factor

Complimeeti! Vi leggo con molto piacere.
Continuate a migliorare.
Grazie per il vostro impegno per la Salute Pubblica.
Cordialità vivissime
Anita Cappello

padovani
23/11/2018 - 5:35pm

Si vuole sottolineare l’importanza dei Cdi nel settore pubblico, che può uguagliare e talvolta superare quello riscontrabile nel settore privato. La possibilità di insorgenza di Cdi nel settore pubblico è strettamente connessa alle modalità di nomina dei dirigenti del SSN e alle modalità di scelta dei sistemi premianti, che possono venire pesantemente influenzati dal potere politico. L’...

Valerio Fiore (non verificato)
12/11/2018 - 12:59pm

Dal basso della mia (in)esperienza, credo che in seguito ad una valutazione, sia fondamentale restituire un feedback, alle stesse strutture valutate, di quanto osservato. Questo per fornire un punto di vista esterno di quanto e come praticato dalle strutture. e soprattutto per avere una fotografia della situazione attuale, da poter confrontare con le "fotografie" future, in modo da poter...

uniupo
12/11/2018 - 10:55am

Buongiorno,
concordo col voi nel definire “di moda” la valutazione in sanità; mi esulo tuttavia dall’attribuire la qualità tipicamente negativa spesso celata dietro al termine “è di moda”.
Perché una cosa è di moda? Spesso per aspetti di marketing, certamente, o perché è una novità, o perché ancora si decide ad un certo punto di parlarne…… Ma il motivo può anche essere un altro:...

Elisabetta Listorti (non verificato)
09/11/2018 - 3:09pm

Posto che il decisore politico rimanga sfondo costante di ogni valutazione, credo che la valutazione di uno stesso servizio possa essere indirizzata a più attori.
Pensando ad esempio alla valutazione di esito svolta dal PNE, potrebbe essere utilizzata come strumento per 1) il decisore politico, che può sfruttarla per riorganizzare la distribuzione dei volumi di attività tra reparti di...

Ersilia Sinisgalli (non verificato)
08/11/2018 - 7:05pm

Nel corso dei miei studi e iniziale esperienza lavorativa ho avuto modo di incontrare alcuni sistemi di valutazione applicati al SSN, e concordo con il Prof. Cislaghi sul fatto che spesso la valutazione viene percepita come calata dall'alto soprattutto dai professionisti che non la percepiscono come utile per le loro attività quotidiane. Inoltre come accennato dal commento precedente, se gli...

mery
05/11/2018 - 9:30am
IL SESTANTE. Migranti

Le chiediamo di chiamare in redazione allo 0331-482187 oppure scrivere a epiprev@inferenze.it

Salvatore Scondotto (non verificato)
03/11/2018 - 1:08pm

La Riforma del Titolo V ha di fatto affidato alle Regioni il controllo sui temi di natura sanitaria, lasciando al Governo centrale una funzione di indirizzo che si manifesta, in regime ordinario, attraverso la definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Le Regioni, chiamate a stabilire l’assetto organizzativo e regolativo dei propri servizi sanitari, hanno quindi generato dei...

Andrea Federica de Cesco (non verificato)
31/10/2018 - 2:05pm
IL SESTANTE. Migranti

Vorrei leggere questo articolo per un pezzo per il Corriere della Sera. Grazie

Ubaldo Montaguti (non verificato)
30/10/2018 - 1:45pm

Metà e metà?
Una premessa: a mio avviso la Sanità è un settore di intervento della Pubblica Amministrazione di natura fondamentalmente politica in cui l'apparato esecutivo deve rispondere a principi generali di salvaguardia di diritti da garantire ai cittadini che non possono essere lasciati a considerazioni tecniche. Pertanto, sempre a mio avviso, la regionalizzazione radicale del...

cesare cislaghi (non verificato)
23/10/2018 - 11:29am

L'intervento pubblicato sei anni fa voleva solo evidenziare dei "granchi" nelle analisi statistico sanitarie.
Nel merito dei criteri di riparto abbiamo invece scritto molte altre cose per lo più anche molto critiche sull'attuale sistema.
Se Lei che "a" capito ci manda, o ci indica dove trovare, dei dati di prevalenza di tutte le patologie con i relativi costi di assistenza che...

Claudio Maria Maffei (non verificato)
20/10/2018 - 7:38am

La valutazione in sanità da una parte è una moda (fioriscono a esempio i sistemi di valutazione comparativa delle performance regionali come quella del rapporto Meridiana o del rapporto CREA), ma dall'altra è progressivamente diventata uno strumento con forti ricadute organizzative e operative. A solo titolo di esempio il sistema di valutazione ministeriale con gli indicatori della cosiddetta...

Mariacarla (non verificato)
18/10/2018 - 8:38am

Sono d'accordo, ma temo che sanità e cultura rimarranno sempre ai margini perché l'opinione pubblica è più attratta dalle pensioni e reddito di cittadinanza e questo, hai detto bene e perché non ci accorgiamo del bene che abbiamo. Forse ci vorrebbe un modo intenso per entrare nelle menti delle persone attraverso i social ad esempio,nelle scuole, negli uffici ecc. Ma, si vuole veramente aprire...

dott. nanci giacinto (non verificato)
17/10/2018 - 3:03pm

Salve il vostro è solo un calcolo economico che non tiene conto della prevalenza e della comorbilità delle patologie nelle singole regioni e dei danni che il riparto fatto per 20 anni in modo errato a fatto alle regioni svantaggiate che difficilmnete potranno recuparare in pochi anni anche se il riparto fosse fatto, come dovrebbe, in base alla prevalenza delle patologie.

HAL LEVIN (non verificato)
22/09/2018 - 5:36pm

What about other t exposure indoors where people spend most of their time, e.g. 90 % of the day. How do building factors modify
Exposures important to health?

How do the way we design, construct. Operate, and use buildongs?

.KXTY

Silvia Candela (non verificato)
29/08/2018 - 5:42pm

A integrazione di quanto ha già detto Cislaghi: Credo che possa essere fatta una prima grossolana differenza tra le azioni che si svolgono in pubblico e non implicano un coinvolgimento emotivo molto “privato” (andare in moto senza casco, in macchina senza cintura o usando il telefonino, fumare nei luoghi pubblici) e le azioni che possono essere svolte in ambiti privati e che coinvolgono...

antonio poli (non verificato)
10/08/2018 - 11:07am

Concordo praticamente su tutta l'analisi, circostanziata e fondata su evidenze, esperienze e buon senso, così come in fondo tutte le analisi dovrebbero essere mixate.
Mi permetto di aggiungere, tanto per rilanciare l'estrema complessità della materia, un aspetto che sembra agli antipodi ma è forse invece compenetrato con "Esortare, convincere, obbligare, sanzionare" ed è quello legato...

Ivan Dilly (non verificato)
24/07/2018 - 2:01pm

Bonjour
Encor des batailles d'arriéré garde où on n'oublie le fondement de la dangerosité de la fibre d'amiante par son caractère imputrescible quoi qu'il en soit une fois qu'elle est dans votre corps et ne peut en ressortir elle ne peut que s'y accumuler jusqu'à la pro-vocation de maladie

Mario Braga (non verificato)
20/07/2018 - 10:15am

Nonostante l'enorme quantità di pubblicazioni che dimostrano l'inefficacia delle diverse forme di compartecipazione alla spesa come strumento di contenimento di prestazioni sanitarie inutili e/o dannose la discussione viene dirottata su come modulare e/o modificare lo strumento e non sulla sua eliminazione.
In una recente pubblicazione, l'OMS ribadisce che il " ... co-payments are an...

alessandro (non verificato)
12/07/2018 - 3:30pm

Articolo molto interessante, conferma che intervenendo in tenera età si potrebbe fare prevenzione per molte attitudini postulare viziate e/o malocclusioni