editoriale
Epidemiol Prev 2010; 34 (1-2): 5-6

Metodi dell’inferenza causale in epidemiologia

Methods for causal inference in epidemiology

  • Lorenzo Richiardi1

  • Rino Bellocco2,3

  1. Epidemiologia dei Tumori, CPO-Piemonte e Università di Torino
  2. Dipartimento di Statistica, Università di Milano-Bicocca
  3. Department of Medical Epidemiology and Biostatistics, Karolinska Institutet, Svezia

Riassunto:

Il dibattito sulla necessità e possibilità di stimare gli effetti causali negli studi osservazionali e sulla differenza tra associazione e effetto causale non è nuovo nella letteratura epidemiologica. Negli ultimi dieci anni sono emersi diversi contributi che hanno permesso di approfondire le assunzioni necessarie per l’inferenza causale e al tempo stesso di proporre modifiche ai metodi statistici standard e nuovi modelli. Su questo numero di Epidemiologia e Prevenzione Raffaella Campaner descrive alcune delle teorie filosofiche contemporanee sul concetto di causa. Senza alcun intento di revisione sistematica, qui vogliamo menzionare alcune delle metodiche del-l’inferenza causale che hanno importanti ricadute pratiche per la corretta pianificazione, conduzione e analisi di studi osservazionali in epidemiologia.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)