editoriale
Epidemiol Prev 2010; 34 (1-2): 7-8

Fumare in auto: serve una legge?

Smoking while driving: do we need a law?

  • Roberto Mazza1

  • Giovanni Invernizzi1

  • Luca Sbrogiò2

  1. Centro Anti-fumo, Istituto nazionale dei tumori/SIMG, Milano
  2. Dipartimento di prevenzione Azienda sanitaria ULSS 19, Adria (Rovigo)

Riassunto:

L’esposizione al fumo di tabacco in auto rappresenta una «prova» estrema per i fumatori passivi. Le concentrazioni di inquinanti tossici derivanti dalla combustione del tabacco come polveri sottili, composti organici volatili e monossido di carbonio risultano elevatissime all’interno dell’abitacolo (vedi in questo numero Invernizzi e coll., pagina 35 ), che comportano livelli di esposizione superiori a quelli che nei soggetti asmatici determinano un’immediata riduzione della funzionalità respiratoria, e nei pazienti cardiovascolari aumentano il rischio di ischemia. Nemmeno il finestrino aperto evita l'inquinamento da polveri sottili, e non sono disponibili nelle nostre automobili, almeno per ora, sistemi di trattamento dell’aria efficaci.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)